header logo

CALCIOMERCATO LAZIO - La mancata convocazione di Daichi Kamada per la Coppa d'Asia assume anche il sapore della rinuncia da parte del centrocampista giapponese. Un lavoro di mediazione fatto dalla dirigenza biancoceleste con la federazione del Sol Levante e con il calciatore. Qualora non si fosse arrivati a questa decisione la società biancoceleste era pronta a tornare sul mercato visto l'infortunio di Luis Alberto. Il calendario di gennaio è compresso ed al momento ricco d'incognite tali da rendere necessaria una vastità di scelte visti gli impegni compressi. 

Gennaio mese importante

Il campionato ripartirà con due sfide non proibitive contro Udinese e Lecce, ma in Coppa Italia potrebbe esserci già il derby contro la Roma a complicare i piani. La Lazio, inoltre, sarà impegnata a Riad nella finale Final Four di Supercoppa Italiana che a Formello sperano duri fino al giorno della Finale che sarà il 22 gennaio. Il ritorno in campionato poi porterà in dote la sfida dell'Olimpico contro il Napoli. 

La stima di Sarri

Decisa in questa mediazione è stato anche il volere di Sarri che nella conferenza stampa dopo la gara contro il Frosinone ha speso buone parole per il giapponese. 

“Kamada? Difficile da interpretare. Per cultura è molto chiuso, è più difficile farlo sbloccare. Io ci spero ancora perchè a Francoforte avevo visto un giocatore importante”.

La strategia sul mercato

Ad oggi quindi la società biancoceleste non avrà la necessità di andare sul mercato per cercare di intercettare un centrocampista a meno che non si presenti un'occasione a costi ridotti. Di certo si cercherà prima di far uscire Basic e Kamenovic e qualora si riuscisse in  questo intento si valuterà anche l'opportunità di prendere un esterno d'attacco come era stato preventivato prima degli infortuni di Immobile e Luis Alberto. L'ultima valutazione verrà fatta però in settimana quando sia Immobile che Luis Alberto faranno altri esami strumentali e si capirà meglio la tempistica del loro recupero. 

 

24 gennaio 1947, nasce il mito che non muore più: Chinaglia, eterna icona del calcio romantico
Seria A, l'AIA ammette: "Il gol di Arnautovic è nato da un'azione fallosa..."