header logo

La Lazio scenderà in campo oggi alle ore 12:30 per il “lunch match” contro il Lecce. La squadra di Sarri è reduce dalla vittoria nel derby di Coppa Italia e vuole conquistare i tre punti per rilanciare le sue ambizioni di Champions League anche in campionato. 

Problemi in attacco per Sarri

Il tecnico biancoceleste Sarri è alle prese con i problemi che riguardano il pacchetto difensivo. Per un Immobile che oggi rientra in gruppo dopo l'infortunio di Empoli c'è un Castellanos che entra in infermeria in virtù di una lesione agli adduttori. Nella mattinata di oggi ha avuto problemi anche Felipe Anderson che ha lasciato l'allenamento di rifinitura anzitempo per un problema fisico al polpaccio. Nella seduta pomeridiana il brasiliano è rimasto a bordo campo come Zaccagni, ma al momento la speranza è quello di vederlo in campo domani dal primo minuto al centro dell'attacco. Qualora il Pibe non dovesse farcela è pronto Pedro a giocare da falso nueve. A centrocampo pare certo il rientro tra i titolari di Rovella con Guendouzi al suo fianco. Ballottaggio tra Luis Alberto e Vecino per una maglia da titolare. In difesa Pellegrini e Lazzari si contendo il posto dal primo minuto con Marusic che attende di sapere su quale fascia dovrà giocare. Al centro della difesa la presenza di Romagnoli appare scontata con Patric e Casale che si giocano una maglia.  

Le scelte di D'Aversa

Il tecnico dei salentina D'Aversa deve far fronte alle assenze di Banda, Rafia e Touba partiti per la Coppa D'Africa e oltre agli infortunati Sansone e Dermaku. Per il resto è recuperato Almquist che potrebbe partire anche dal primo minuto come anticipato dallo stesso allenatore nella conferenza stampa pre partita. In attacco i giallorossi punteranno tutto sul centravanti Krstovic che in questa stagione ha segnato 4 gol.

Le probabili formazioni

Lazio (4-3-3): Provedel; Lazzari, Patric, Romagnoli, Marusic; Guendouzi, Rovella, Vecino; Isaksen, Anderson, Zaccagni. All. Sarri. 

Lecce (4-3-3): Falcone; Gendrey, Pongracic, Baschirotto, Gallo; Kaba, Ramadani, Gonzalez; Oudin, Krstovic, Almquist. All. D'Aversa.

24 gennaio 1947, nasce il mito che non muore più: Chinaglia, eterna icona del calcio romantico
FORMELLO - Torna Immobile, ma le condizioni di Felipe Anderson mettono in ansia Sarri