header logo

Un week-end di sport all’insegna dei colori biancocelesti. Questo il fine settimana della Lazio Hockey impegnata in ben sette gare per cinque competizioni. Il bilancio è estremamente positivo per il sodalizio biancoceleste che porta a casa quattro vittorie, un pareggio e due sconfitte, una delle quali completamente indolore e arrivata a risultato acquisito.

Si parte il sabato con la prima squadra maschile impegniata nella prima trasferta stagionale in quel di Pistoia su un campo che, per il sottoscritto e per molti sostenitori laziali, evoca dolci ricordi e riporta alla mente al primo vero successo della Lazio con la promozione in A1. La formazione di Luca Angius gioca bene e a tratti è irresistibile e la vittoria è la logica conseguenza della superiorità della Lazio.

Sempre il sabato, ma all’Euroma, vanno in scena le ragazze dell’Under 16 che battono la Capitolina per 2 a 0. La domenica comincia con la Lazio B che, diciamolo, è sempre piacevole guardare. L’unione tra veterani e giovani, con i primi a dispensare consigli, è sempre uno spettacolo da vedere ed è molto bello il rispetto dei giovani, per la maggior parte Under 16, per i più esperti che, a volte, si trasforma davvero in timore reverenziale. La Lazio dà tutto ma è il Butterfly a vincere. Pazienza, sarà per la prossima.

Dal Giulio Onesti l’attenzione si sposta in quel di Campagnano dove le ragazze dell’Under 16 tornano in campo. La gara è difficile e la formazione di Riccardo Braca deve dare fondo a tutte le sue qualità per evitare la sconfitta. Finisce 4 a 4 ma è un pareggio che ha il sapore della vittoria. A proseguire è la volta dei ragazzi dell’Under 14 che si giocano l’accesso alla finale di categoria. Di fronte l’avversario è di quelli belli tosti, la Tevere Eur, che si sente la qualificazione in tasca. Ma con la Lazio non si può mai dire ed infatti finisce 4 a 3 per i biancocelesti con Clayton Lanting, fratello di Kyle, veterano della prima squadra, assoluto protagonista con tre reti. Da Lanting a Lanting il passaggio del testimone per due generazioni diverse ma che conservano, nel loro dna, i sani valori della Lazio Hockey, il rispetto per l’avversario, l’aiuto ai compagni ed il sacrificio per i colori biancocelesti.

E mentre i giovani Under 14 compiono l’impresa la prima squadra femminile, sprofondata solo una settimana fa in un turbine di paura e insicurezza, rinasce contro la Città del Tricolore ritrovando, in un attimo, convinzione e forza. Ed è una Lazio che balla il tango con le sue argentine così tenaci, così italiane. È Brunella Manrique a segnare il gol della vittoria che però porta la firma anche della grande Magali Varela ma anche di Renata Manzini, Ailen Bujan, Valentina Sarmiento e di Milli Monzon che non si è tirata indietro quando gli è stato chiesto di affrontare la gara in un ruolo, quello di portiere, che non aveva mai ricoperto prima: La squadra prima di tutto per il bene comune. Valori e insegnamento che derivano dalla tradizione biancoceleste così bene incarnata dalla tenacia della nostra capitana Alessandra Rocchetti e dalla caparbietà di Francesca Guerzoni, una delle veterane sempre pronta a dare l’esempio alle compagne. Ludovica Bertusi, le sorelle Bono, Caterina Ladisi, Cristina Pericoli e la guerriera Valentina Giardino. Non si può non voler bene a queste ragazze, seguirle con passione, scendere in campo con loro. Ed il pensiero finale va anche a Carolina Caratozzolo e Luciana La Spina, infortunate ma vicine alla squadra a sostenerla in tutto e per tutto.
Un favoloso week-end che la sconfitta dell’Under 14 maschile nell’inutile gara con il Potenza Picena non rovina di certo. Bravi ragazzi. Avanti cosi.

Tutte le info su www.laziohockey.it

-

 

EDITORIALE - Cronistoria di una Scudetto: Sono le 18:04 del 14 maggio 2000, la Lazio è campione d'Italia
Lazio - Monza, le probabili formazioni: Immobile torna dal 1' minuto

Sito di informazione ed approfondimento sulla S.S. Lazio.
Diretto da Franco Capodaglio

Powered by Slyvi