header logo

CALCIOMERCATO LAZIO - Il Direttore Sportivo biancoceleste Angelo Fabiani è ancora alla ricerca di un attaccante esterno per poter accontentare Maurizio Sarri nelle sue richieste. Sulla scrivania di Formello in questi giorni sono circolati diversi nomi a secondo della strada che Lotito intenderà percorrere. 

Usato sicuro

Sono diverse le possibilità che la società sta esplorando. In primis si è pensato di inserire un uomo di esperienza che non avesse bisogno di un periodo di adattamento e che conoscesse il campionato italiano. I primi nomi trattati sono stati quelli di Candreva che conosce benissimo l'ambiente biancoceleste e Bernardeschi che ha lavorato già con Sarri nella sua esperienza alla Juventus. Sul primo la Salernitana ha fatto muro e non è intenzionata a cederlo nel tentativo di arrivare alla salvezza. Sul secondo c'è il problema legato all'ingaggio molto elevato che percepisce al Toronto e che per venire alla Lazio dovrebbe essere decurtato in maniera importante. Tra i nomi che sono stati proposti alla dirigenza biancoceleste c'è stato anche quello di El Ghazi che è attualmente svincolato che però non ha mai convinto a pieno. 

Giovani di prospettiva

Si è pensato poi di individuare dei profili di giovani calciatori il cui arrivo potrebbe essere anticipato di sei mesi visto il possibile addio in estate di Felipe Anderson e Pedro. Il primo nome trattato è stato quello di Cambiaghi, ma le richieste dell'Atalanta che detiene il cartellino sono state troppo elevate. L'attenzione, quindi, nelle ultime ore si è spostato oltre manica dove Fabiani sta cercando di individuare dei giovani prospetti e sono usciti i nomi di Clarke del Sunderland, Rowe del Norwich e l'ultimo in ordine di tempo è stato Whittaker del Plymouth. I tre sono tra i giovani che si stanno mettendo maggiormente in mostra nella Championship inglese e che potrebbero rappresentare un investimento per il futuro. 

L'analisi di Lazio - Napoli di Augusto Sciscione

 

Atalanta - Lazio, dove vedere la partita in Tv ed in streaming
Lazio, Brocchi spegne 48 candeline: gli auguri della società sono iconici