header logo

Al termine della gara l'allenatore Maurizio Sarri ha risposto alle domande dei giornalisti in conferenza stampa.

"Poche occasioni? Questo ci sta succedendo troppo spesso. Abbiamo trovato una squadra che ci concedeva ampi spazi quindi c'erano i presupposti per essere pericolosi invece abbiamo fatto troppo poco. Ci si piò appellare a duemila storie, come la mancata espulsione di Gyömbér, l'arbitro non ha avuto personalità e non può arbitrare a questi livelli. Ma non si possono racchiudere 90 minuti  in quesro, ainalizzando la gara abbiamo fatto poco, troppi giocatori non rendono come lo scorso anno. O la responsabilità è mia o abbiamo perso di vista chi siamo. Queste gare l'anno scorso si vincevano serenamente".

PRESTAZIONI

"Certe prestazioni non si possono giustificare per me ci sono troppi giocatori che non stanno rendendo. Se la Lazio gioca così è inutile parlare di alta classifica, farà una tranquilla metà classifica. Al momento delle prestazioni all'altezza la Lazio potrà avere degli obiettivi".

SALERNITANA

"Noi eravamo spenti, abbiamo giocato contro una squadra che ci concedeva spazi, una squadra che ha preso tanti gol, è ovvio che io mi aspetto di più poi se basta a noi per perdere che si accenda la Salernitana allora le sconfitte saranno molte"

LOTITO

"Lotito? Non so quello che vuole fare. Io interverrei in maniera pesante, non sono fautore dei ritiri ma farei qualcosa per rompere l'inerzia. La squadra ha perso personalità, iniziativa. Dopo il gol al secondo tempo siamo rientrari per gestire cinquanta minuti. Questo non rientra nelle nostre caratteristiche. Qualcosa che non funziona c'è, se fossi sicuro che è solo colpa mia andrei via. Non capisco però dove possa essere la mia diversità rispetto allo scorso anno, quest'anno anzi sono molto più pressante. Se nei prossimi giorni valuterò che è colpa mia sarò il primo a prendere la decisione di andare via parlando con il presidente".

TRASFERTE

"Questa è una squadra che se parli di livello di applicazione ti da sempre la sensazione di averlo. Non fa allenamenti in cui ti da la sensazione di essere fuori di testa. I tanti ko in trasferta? Nei due anni precedenti abbiamo fatto gli stessi punti in casa e fuori, questa è un'altra nota stonata di questa parte di stagione che stiamo facendo".

 

VEDI ANCHE L'INTERVISTA A CATALDI IN ZONA MISTA:

24 gennaio 1947, nasce il mito che non muore più: Chinaglia, eterna icona del calcio romantico
CONFERENZA STAMPA - Salernitana - Lazio, Inzaghi: "Ci voleva questa vittoria. Quel rigore poteva ammazzare chiunque..." - VIDEO