header logo

Il tecnico, D'Aversa è intervenuto al termine della sfida in conferenza stampa dalla pancia dell'Olimpico. Di seguito le sue parole: "Quando concedi una circostanza alla Lazio vieni punito. I ragazzi hanno fatto un'ottima prestazione. Sapevamo di poterli mettere in difficoltà perché loro venivano dal derby, il rammarico è che siamo a commentare una partita con 5 palle gol non concretizzate. Possiamo migliorare solo con il lavoro durante la settimana".

"Non voglio commentare le scelte arbitrali. Sono situazioni semplici, sia quella di Zaccagni con Gendrey che quella di Immobile su Falcone. Bastava ammonire i giocatori della Lazio e non sarebbe successo niente. Nell'aspetto emotivo loro erano in difficoltà perché hanno speso molto in settimana. Ci sono state due situazioni di facili letture da parte dell'arbitro e non sarebbero successe queste risse".

"Contro il Napoli nel secondo tempo, più per responsabilità mia, abbiamo subito due gol. Noi nella partita d'andata avevamo fatto un primo tempo ottimo e nel secondo abbiamo ribaltato la partita. Abbiamo tenuto alta la pressione per non fargli girare palla, visto che la Lazio è una squadra brava tecnicamente. Il rammarico è commentare la sconfitta, soprattutto per i nostri tifosi al seguito oggi".

"Pongracic e Ramadani? È stata brava la società. Li conoscevano già, sono andati sul sicuro. Pongracic può ambire a giocare ad alti livelli. Ramadani non sta facendo rimpiangere Hjulmand. Stanno crescendo in tanti, come Gallo, Gendrey e Gonzalez. Almqvist? Nonostante sia stato fuori due mesi, ha fatto 90 minuti. In questo periodo ci è mancato, mette apprensione alla squadra avversaria e salta l'uomo. Considerando il suo vecchio infortunio ha fatto un'ottima gara".

"La prossima è contro la Juventus, non mancherà la motivazione. Speriamo di mantenere lo stesso atteggiamento. Oggi abbiamo creato tante occasioni nonostante giocassimo all'Olimpico. I bianconeri te ne concedono meno della Lazio, dobbiamo essere bravi a concretizzarle".

"La Lazio è cresciuta molto nella gestione della partita. All'andata è stato diverso, gli episodi erano andati anche dalla nostra parte. Oggi, nonostante venissero da quattro vittorie consecutive, da un derby faticoso e da una situazione d'emergenza, sono stati bravi ed esperti. Dove loro dovevano prendere due cartellini gialli, ne hanno fatti prendere due anche a noi. Sono molto esperti, e poi cercano sempre di giocare bene a calcio. Per questo stimo molto Sarri".

 

24 gennaio 1947, nasce il mito che non muore più: Chinaglia, eterna icona del calcio romantico
Lazio - Lecce, Sarri: "Innamorato di Felipe Anderson. Io come Maestrelli? Magari fosse vero..."