header logo

Adam Marusic ha parlato ai mcirofoni di Dazn: "Salvataggio nel primo tempo su Cuisance? Ho salvato il gol, ma poi Luis ha fatto ne ha fatto uno bellissimo e abbiamo vinto una partita molto importante per noi. L'affetto dei tifosi? Sono molto contento per questo. I nostri tifosi sono venuti in tanti e per noi era molto importante. Siamo lì e continuano a lavorare. Vernerdi c’è un altra partita complicata".

Com’è fare il difensore in una squadra di Sarri? “Quest’anno giochiamo meglio rispetto allo scorso. Dopo un anno e mezzo sappiamo cosa fare. Siamo migliorati tanto e questi sono i risultati”.

Miglioramento difensivo dovuto agli allenamenti o a una maggiore copertura dei compagni? “Tanto dipende anche da loro. Noi come linea lavoriamo tanto. Abbiamo allenamenti specifici e il mister ci dice cosa migliorare. Dobbiamo continuare così”.

Venerdì afforntate il Napoli... "In questo momento sono la squadra più forte in Europa. Giocheremo a casa loro e dobbiamo preparala bene con tanta motivazione e concentrazione. Andiamo a giocare e vediamo che succede".

Hai spinto più tu di Lazzari oggi... "Lazzari e uno che spinge tanto. Oggi si è concentrato più a stare attento dietro. Ho spinto io ma poi sono rimasto. Tutto dipende dal tipo di partita".

Marusic al termine del match è intervenuto anche ai microfoni di Lazio Style Channel: "Abbiamo vinto questa gara contro la Sampdoria che è una squadra da non sottovalutare. Abbiamo auto alcune occasioni nel primo tempo e non siamo riusciti a segnare, poi Luis ha fatto questo bellissimo gol e abbiamo vinto, quello che conta sono i tre punti, la vittoria era il nostro obiettivo. Ho fatto un po’ di tutto oggi in campo, sono contento di aver salvato il gol nel primo tempo, sono dispiaciuto di non aver segnato, Milinkovic mi aveva dato un pallone perfetto. Io mi sentivo bene questa sera, ma chi ha giocato la gara contro il Cluj era più stanco. Venerdì abbiamo una gara molto importante, guardiamo avanti”.

NAPOLI - “Non sarà una gara facile, loro giocano il calcio più bello d’Europa. Andiamo lì a giocare con tanta motivazione, dobbiamo essere concentrati e faremo di tutto per portare a casa punti”.

CLASSIFICA - “Siamo tutti lì, noi dobbiamo pensare al nostro cammino. Mancano ancora 14 partite, alla fine faremo i conti”.

24 gennaio 1947, nasce il mito che non muore più: Chinaglia, eterna icona del calcio romantico
Lazio-Samp, Sarri: "L'atteggiamento mi è piaciuto. Il campionato al di là del Napoli è livellato"