header logo

Ai microfoni di Tuttomercatoweb è intervenuto il DS sportivo del Verona Sean Sogliano che ha fatto chiarezza sulla situazione legata al tecnico Marco Baroni la cui panchina è a rischio. Il pareggio ottenuto in extremis contro l'Udinese ha per il momento salvato la panchina dell'ex tecnico del Lecce. Decisiva sarà la sfida contro la Lazio in cui il Verona si gioca tantissimo in termini di classifica

Panchina di Baroni

"L'ho già detto tre o quattro settimane fa. Venire ad allenare il Verona quest'anno non era facile. Raggiungere la salvezza in uno spareggio è stato come vincere uno scudetto e dopo aver centrato un risultato del genere non è mai facile ripartire. Secondo me abbiamo lasciato per strada tre o quattro punti che sono dentro a questa squadra. Erano alla nostra portata, ma sono convinto che questi risultati, come quello di Udine e quello contro il Lecce, ci faranno trovare orgoglio, dignità e carattere. Siamo tutti in discussione, anche l'allenatore. Il cambio di gioco e di modulo penso che lo senta di più. Lo aiuteremo ma poi lo sa benissimo: i punti servono. A noi va bene anche continuare partita per partita. La lotta salvezza è molto difficile".

verona e lazio schierate a centrocampo

Ngonge

"L'ho detto a inizio anno che vedevo un ragazzo che sta crescendo sotto tutti i punti di vista, anche caratteriale e comportamentale. Si allena bene e ha voglia di emergere. Sono convinto perché lo vedo tutti i giorni, a volte riesce a essere decisivo, altre no, ma è così anche per i campioni. È un giocatore importante, ogni partita è un esame e sarà sempre più difficile".

Sorprese Serie A

"La risposta è facile, nessuno si aspettava che il Frosinone facesse tanti punti e buonissime prestazioni. I loro punti sono meritati, nessuno te li regala in Serie A. Penso che sia questa la squadra che mi ha sorpreso. Tra le altre dico il Bologna e la Fiorentina, due squadre che sono in grado di fare partite importanti. Trovare la continuità non è facile nel nostro campionato".

Calciomercato di gennaio

"Siamo abituati a fare di necessità virtù, faremo ancora così a seconda delle linee societarie che ci saranno. Certo che fare un po' di punti in queste partite che mancano al mercato ci aiuterebbe molto".

12 anni senza Mirko Fersini: il ricordo della società
Nazionale Italiana, Mancini accusa Gravina: "Sarei rimasto altri dieci anni, ma qualcosa era cambiato e ci sono rimasto male per..."