header logo

LE PAGELLE DI SASSUOLO - LAZIO:

Provedel: 6 Qualche sbavatura con i piedi che fortunatamente per lui non costano caro. Il Sassuolo tira poco in porta e lo fa solo nel primo tempo e lui risponde presente senza compiere miracoli.

Hysaj: 6 Tra mille dubbi gioca una gara coriacea dove deve vedersela con un brutto cliente come Laurienté. Rimedia un giallo per evitare una ripartenza, ma gestisce il finale di gara con grande tranquillità.

Casale: 6,5 Ammonito nelle prime battute del match riesce a gestire bene la situazione senza commettere errori. Alvarez e Defrel non si rendono mai pericolosi ed il merito è anche suo.

Patric (dal 89'): sv Pochi minuti per riprendere ritmo.

Romagnoli: 6,5 Litiga per quasi tutta la gara con Berardi, ma alla fine ne esce vincitore. Non concede spazio in zona centrale e quando deve andare a chiudere esternamente non lascia mai uscire il pallone dalla zona.

Marusic: 6,5 Primo tempo opaco dove pensa solo a presidiare la zona di competenza. Nella ripresa è più reattivo e propositivo e col passare dei minuti sembra finire in crescendo.

Cataldi: 6 Partita di sacrificio in cui denota un certo nervosismo. Rimedia un giallo evitabile però quando c'è da battagliare non tira mai indietro la gamba.

Vecino (dal 78'): 6 Entra per gestire la situazione nel finale e stavolta ci riesce senza commettere sbavature.

Milinkovic: 6,5 Gara strana in cui sbaglia molto, ma allo stesso tempo determina il risultato entrando nelle due azioni dei gol. Sembra un crescita, ma c'è da lavorare per tornare ai suoi livelli.

Luis Alberto: 7 È assolutamente l'uomo più in forma della squadra. Ogni volta che entra in possesso del pallone crea i presupposti per fare male agli avversari. Quando cala il pressing dei padroni di casa esce fuori la sua classe e congela il pallone nella metà campo offensiva.

Felipe Anderson: 7 Gara complicata perché l'infortunio di immobile gli impone di cambiare ruolo e modo di giocare. Soffre la fisicità dei difensori di casa, ma nel finale riesce a trovare lo spazio per mettere a segno il gol della sicurezza.

Immobile: sv Stagione sfortunata la sua. Altra problema fisico ed gara che dura poco più di 10 minuti.

Pedro (dal 14'): 6 Entra in campo con la squadra che sembra accusare il peso dell'uscita di Immobile. Soffre a prendere ritmo e solo dopo la metà della ripresa prende in mano la situazione e gestisce ogni pallone con la sua classe.

Zaccagni: 7 Segna un rigore non banale che sblocca la partita ed ha un peso specifico decisivo sul match. Nella ripresa non spreca palloni e con la palla tra i piedi riesce a prendere metri su metri in campo ribaltando il fronte del gioco ed alleggerendo il peso della difesa.

Sarri: 7 La squadra entra in campo cattiva e concentrata ed ha la giusta cattiveria nella gestione della gara. Riesce anche a fare convivere Luis Alberto e Milinkovic nello stesso centrocampo e senza Immobile porta a casa 3 punti non scontati.

EDITORIALE - Cronistoria di una Scudetto: Sono le 18:04 del 14 maggio 2000, la Lazio è campione d'Italia
Sassuolo-Lazio, Tare: "Con Milinkovic abbiamo avuto un incontro. Champions? Non è..."

Sito di informazione ed approfondimento sulla S.S. Lazio.
Diretto da Franco Capodaglio

Powered by Slyvi