header logo

Ai microfoni di RadioSei è intervenuto l'ex attaccante biancoceleste Libor Kozac che ha commentato la gara di ieri contro il Napoli e la stagione della Lazio senza tralasciare qualche di ricordare il suo passato a Roma ed i rapporti con il Presidente Lotito.

La Lazio per Kozac

“La Lazio mi è rimasta tanto nel cuore. Quando posso vengo, mi fa sempre molto piacere. Sento l’affetto della gente, dei tifosi e della società. È un grande piacere per me tifare per la Lazio”.

Lazio - Napoli

“Ieri ho visto una squadra tattica e attenta. Siamo andati vicino alla vittoria, forse meritava qualcosa di più. Mancano un po’ di centimetri, quando è entrato Vecino la squadra si è alzata e ha creato qualcosa mettendo qualche pallone dentro”.

Il passato in maglia biancoceleste 

“Per la Lazio ho sempre dato tutto. Poi sono stato anche un po’ fortunato perché segnavo spesso i gol decisivi. Qui a Roma sono diventato uomo e calciatore. Con il presidente Lotito ho un ottimo rapporto”.

Infortuni

“Gli infortuni mi hanno condizionato, ma non si può vivere con il rimpianto. Me ne sono capitati molti nel miglior momento della carriera. Giocavo in Premier ed ero il titolare in nazionale. Ogni tanto mi chiedo dove sarei potuto arrivare”.

L'attacco biancoceleste 

“Manca un attaccante come me alla Lazio? Io sono pronto. Ieri guardando la partita dicevo ‘adesso è il momento mio’. Sarei voluto entrare, erano ricordi. Queste erano le mie partite”.

Lazio - Napoli, l'analisi di Augusto Sciscione

Atalanta - Lazio, dove vedere la partita in Tv ed in streaming
CALCIOMERCATO LAZIO - Si scalda la pista che porta a Jonathan Rowe del Norwich - I DETTAGLI