header logo

Alla viglia della sfida dell'Olimpico tra Lazio ed Atalanta ha parlato in conferenza stampa il tecnico biancoceleste Maurizio Sarri. L'importanza della posta in palio è stata sottolineata dall'allenatore che ha anche parlato del momento non semplice della squadra reduce da due pareggi contro Fiorentina e Verona.

SFIDA CHAMPIONS

"Mi aspetto una partita tosta fatta da una squadra che si rende conto dell'importanza della partita. La squadra sta pensando bene e gioca bene e sto parlando del modo di stare in campo. Bisogna solo togliere questi piccoli spezzoni di partita che sono brevi che ci stanno costando qualcosa".

SARRI - GASPERINI

"Ognuno va avanti nella propria strada con le convinzione e le esperienze che comportano l'età".

MARGINI DI MIGLIORAMENTO

"Dal punto di vista dell'evoluzione ci ha sempre soddisfatto c'è un atteggiamento, dedizione, professionalità e applicazione diversi. Poi c'è un po' di frustrazione perché sembra sempre vicino al salto di qualità e poi non arriva mai fuori. Margini ci sono, bisogna andare a cercarli da domani. L'ha detto anche Guardiola, giocare contro l'Atalanta è sempre come andare dal dentista, è tosta da affrontare".

INSERIMENTO DEI NUOVI

"Basic non ha giocato poco, Marcos Antonio va inserito in un centrocampo che supporti le sue carenze ed evidenzi le sue qualità. Gli altri due sono giovani che stanno accumulando esperienza, ma non sono pronti per partite importanti".

ANDATA E' RIPETIBILE?

"L'Atalanta se cala fisicamente è una squadra normale, se sta bene fisicamente è fortissima. Gli attaccanti sono 6, in Europa sono pochi a poterseli a permettere. Il loro modo di giocare è tremendo se sono in condizione, poi se hanno un calo sono normali. Se prendiamo come riferimento l'andata siamo fuiori strada, loro hanno fatto una partita normalissima, noi una buona partita". 

VECINO MEDIANO

"Se si parla di partite particolari come a Verona in cui c'era da togliere palloni di testa e serviva fisicità lo può fare. Se ci sono partite in cui noi dobbiamo fare la partita abbiamo palleggiatori migliori".

CONVINZIONE DEL QUARTO POSTO

"Allora, gli obiettivi devono essere credibili, non siamo tra le prime 4 per monte stipendi, per fatturato, quindi non ha nessuna responsabilità di questo tipo. Un conto sono gli obiettivi credibili, un conto sono i sogni, che poi possono anche meno credibili, ma essere lo stesso  attuabili. La squadra ha voglia e fame, vedo una grande applicazione giornaliera, poi non sempre lo dimostriamo perché abbiamo qualche limite. La squadra è molto applicata, lo vedo ogni giorno in allenamento. La squadra crede di poter far bene, poi quale sarà questo bene lo vedremo alla fine". 

CATALDI

"Ha preso un colpo e ieri ha fatto differenziato. Oggi proveremo a rimetterlo in gruppo".

CHE ATALANTA SARA' DOMANI

"Lo scorso anno erano in difficoltà d'organico e fecero una partita difensiva, ma domani non sarà così".

IMMOBILE

"Noi abbiamo per caratteristiche una difficoltà che andiamo poco alla conclusione per la mole di gioco che costruiamo. Poi abbiamo la migliore percentuale tra tiri fatti e gol, questo significa che andiamo al tiro solo quando vediamo bene la possibilità di fare gol. Stiamo facendo una stagione in cui non abbiamo mai avuto il miglior Immobile. Con Ciro al 100% avremmo segnato di più, per arrivarci dipende dalla continuità di allenamento e partite".

LAZZARI

"Con il Verona era una partita sporca e non era la specialità di Lazzari. In questo momento stanno giocando due laterali che stanno bene in condizioni fisiche e mentali. Non c'è niente di scelte definitive. Domani c'è da capire come loro possono giocare e chi metteranno in quella zona del campo ed in base a quello che faranno loro faremo noi delle scelte".

PARAGONE TRA LAZIO ED ATALANTA

"C'è un gap dovuto dal fatto che l'Atalanta ha fatto per 3 anni la Champions che gli ha permesso di comprare giocatori da 25 milioni".

MILINKOVIC

"Lo sto vedendo bene, molto applicato anche a Verona. Ha fatto più verticalizzazioni che palle perse. Se a voi piace di più tacco e punta a me piace più quello di oggi focalizzato sulla squadra".

SCONTRO DIRETTO

"Io un punto in classifica a questo punto della stagione è ininfluente e la partita sarà in bilico anche domani. Lo scontro diretto ci deve dare grandi motivazioni anche se è un rischio. Noi dobbiamo però vedere l'opportunità che c'è nella gara".

APPROCCIO AL SECONDO TEMPO

"Con la squadra se n'è parlato più volte, è arrivata anche il momento di smettere, sennò si rischia di innescare il meccanismo perverso. Non ne voglio più parlarne, vediamo se c'è possibilità di fare un allenamento all'intervallo".

FELIPE ANDERSON

"Mi sembra sia entrato con una buona gamba e mi ha dato più l'impressione la partita prima. Penso sia apposto".

PALLE INATTIVE A FAVORE

"Ne abbiamo fatti 3-4 sulle conseguenze, non sono contento delle palle ferme, sono abituato ad avere squadre che segna tanto così. Possiamo fare così, abbiamo centimetri, non tanto l'attacco della palla, ma ci sono calciatori che la fanno partire bene". 

LUIS ALBERTO

"Luis Alberto è un cazzone, si diverte ad andare controcorrente. Il 50% dei filmati che facciamo sono richiesti dai giocatori". 

VIDEO

https://www.youtube.com/watch?v=qA-Xf0tzo8A
EDITORIALE - Cronistoria di una Scudetto: Sono le 18:04 del 14 maggio 2000, la Lazio è campione d'Italia
Lazio, Sarri sulla Champions League: "La squadra non ha nessuna responsabilità. Rimane un sogno anche se..." - VIDEO

Sito di informazione ed approfondimento sulla S.S. Lazio.
Diretto da Franco Capodaglio

Powered by Slyvi