header logo

Ai microfoni di Lazio Style Channel è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel il Presidente biancoceleste Claudio Lotito. Il numero uno biancoceleste ha commentato la vittoria nel derby di Coppa Italia contro la Roma svelando alcuni retroscena sugli obiettivi futuri della società.

Derby regalo per il compleanno della Lazio

“Un regalo bellissimo? Assolutamente si. Abbiamo avuto e fatto una prestazione degna della prima squadra della Capitale. Determinati ,volitivi, uniti e umili, è quello che serve a questa squadra che ha le potenzialità per potersi confrontare con tutti”. 

Vittoria anche con tante assenze

“Se sono orgoglioso della coesione del gruppo? Ho cercato di inculcare loro il principio fondamentale che si vince tutti insieme e che il singolo si deve mettere sempre a disposizione del collettivo. Oggi ho visto una squadra unita, compatta, volitiva e determinata. Ognuno si sacrificava per l’altro, abbiamo giocato a pallone e parlano i fatti”.

Importanze dei tifosi

“Quanto è stata importante la spinta dei tifosi? Moltissimo. Ieri ho fatto in modo che il pubblico venisse a vedere la rifinitura, cosa che spesso non accadeva da tanto tempo perché ho ritenuto che i tifosi rappresentano il dodicesimo uomo in campo”.

Sarri ed il futuro

"Più che uomo derby è un uomo legato a un progetto che inizia a prendere forme concrete, soprattutto per quel che riguarda sia il presente sia il futuro. Ora pensiamo al campionato perché riteniamo che la nostra quarta debba poter competere nel campionato principale eruopeo".

Calciomercato e giovani

"Giovani su giovani? Le scelte fatte, i giocatori sono stati visionati in prima persona dal sottoscritto, dal tecnico e dal ds. Non rappresentano solo il presente, ma anche il futuro. Sono di grande prospettiva e di qualità, si sono messi a disposizione del gruppo con umiltà. Hanno avuto un periodo di adattamento. Sono tutti giocatori voluti fortemente, ricorderete tutte le polemiche che ci sono state e non entro nel merito. Oggi possiamo contare su un ricambio generazionale importante e che soprattutto ha grandi prospettive. La cosa cosa fondamentale è che si sono integrati in un gruppo e soprattutto nella mentalità della Lazio. 'Non mollare mai' è il principio fondamentale della Lazio e mi pareche questo sia l'atteggiamento giusto per raggiungere i risultati. Questo è un festeggiamento del nostro compleanno che ripaga dei scarifci, delle fatiche e soprattutto delle illazioni e considerazioni mediatiche fatte strumentalmente per cercare di rappresentare una realtà completamente diversa da quella che è, perché la Lazio è una delle squadre che ha maggiori prospettive non solo sportive ma anche in termini infrastrutturali".

12 anni senza Mirko Fersini: il ricordo della società
Roma, la sconfitta nel derby manda fuori di testa Marione: "La Roma è scarsa, ma Mourinho la sta portando giù e quando ho sentito le sue parole..."