header logo

Alla vigilia della gara d'esordio della Lazio in Champions League contro l'atletico Madrid in casa, allo stadio Olimpico è tornato ed intervenuto Diego Pablo Simeone. Queste le sue parole.

La cosa bella di una sconfitta è che si può comprendere cosa migliorare, cosa correggere, ad esempio la mancanza d'intensità...

"Abbiamo iniziato bene, poi però non abbiamo saputo reagire. Ora c'è la Champions, continuo ad avere fiducia nella squadra, quella di domani per me è una grande sfida, ce la giocheremo al meglio". 

La Lazio ha vinto una partita nelle ultime 4. Ha detto ai ragazzi di rimanere concentrati?

"Mi piace il gioco di Sarri e sempre mi è piaciuto. La Lazio è una squadra che chiude gli spazi in area, difende bene, cerca superiorità numerica. È una squadra che sa quello che vuole, con un tecnico fote. Noi dobiamo cercare di fargli male". 

L'inizio del campionato di entrambe non è stato buono...

"Credo che Lazio e Altetico non abbiano iniziato bene la stagione, ma conta come finisce non come inizia. La Lazio è una squadra forte, che ha fatto molto bene lo scorso anno, sicuramente. Vedremo una partita bella per il gioco delle due squadre".

Che emozione sarà tornare all'Olimpico?

"Pelle d'oca. Tutto mi fa tornare agli anni straordinari della mia carriera sportivamente, con una tifoseria che mi ha voluto bene dal primo giorno. Ho un grandissimo ricordo di tutti i laziali, ci vedremo in campo. Grazie per tutto il cuore e l'affetto che ricevo quando sono qui, io sento lo stesso per voi".

Ti aspetti un'accoglienza particolare domani sera? Questi inciampi che sta avendo la Lazio ti preoccupano?

"Credo che nella vita uno deve dare, senza aspettarsi altro. Quando si aspetta qualcosa e non succede, poi ci rimane male. Vedo così la vita. Quell'affetto che c'è tra me e i laziali va al di là di un'ovazione in campo. Anche noi veniamo da una sconfitta difficile, loro vengono da una partita che non è andata sul gioco che volevano esprimere. C'è però anche la partita del Napoli, l'altra faccia di questa Lazio. Sappiamo contro chi giochiamo, vogliamo fare una grande partita". 

Esterni di sinistra?

"Sono tre giocatori con caratteristiche differenti. Galan è un esterno, fa una bella fase offensiva. Riquelme genera transizioni rapide. Samuel Lino l'ho tenuto fuori perché era infortunato, ma domani è fresco come gli altri. Insieme troveremo la soluzione miglore".

https://youtu.be/kTecldokI3o
EDITORIALE - Cronistoria di una Scudetto: Sono le 18:04 del 14 maggio 2000, la Lazio è campione d'Italia
Lazio - Atletico Madrid, Morata: "Voglio vincere con questa squadra. Luis Alberto? Uno dei giocatori più sottovalutati..." - VIDEO

Sito di informazione ed approfondimento sulla S.S. Lazio.
Diretto da Franco Capodaglio

Powered by Slyvi