header logo

Al termine della partita vinta contro il Napoli, Luis Alberto ha parlato ai microfoni di Dazn e si è soffermato sulle decisioni arbitrali. Queste le sue dichiarazioni:

"Non voglio parlare di questo, ma con questi arbitri non si può giocare, fate venire arbitri con personalità, perchè così ti ammazzano. Menomale che abbiamo vinto, lo dico oggi, altrimenti sembra che cerchiamo scuse. Non dico altro perchè altrimenti mi squalificano".

LA PARTITA

"Penso che sia stata partita di sacrificio per tutti. La prima partita contro il Lecce è stata un disastro, non era la vera Lazio. Nella seconda se perdi così ci puoi stare, io ero tranquillo perché avevo visto la Lazio che voglio. Oggi lo abbiamo dimostrato davanti ai più forti del campionato, sono contento per tutti i compagni, per la Lazio perchè, ci hanno detto cose non giuste in questa settimana. Abbiamo dimostrato che siamo forti quando vogliamo".

GOL

Il mio gol? Il merito al 50% è di Felipe Anderson che mi ha dato palla meravigilosa, dovevo solo toccarla.

LE PAROLE DI LUIS ALBERTO A Lazio Style Channel

"Ha fatto una partita straordinaria tutta la squadra, Felipe ha fatto un lavoro difensivo straordinario e anche offensivo. Il gol è praticamente di Felipe, l'ho dovuta solol toccare. Ero tranquillo per tutta la settimana, ora non possono dire nulla, ho visto un'altra squadra, non era una squadra di calcio a Lecce. Quando c'è questo atteggiamento si perdono poche partite. Penso che vincere una partita qui è sempre difficile. Penso che abbiamo cominciato col dubbio, poi abbiamo iniziato a prendere fiducia, trovato spazio e giocato di più. Abbiamo stancato anche a loro e abbiamo fatto quattro gol al Maradona, che non è facile. Importante prendere fiducia".

EDITORIALE - Cronistoria di una Scudetto: Sono le 18:04 del 14 maggio 2000, la Lazio è campione d'Italia
Napoli - Lazio, la società celebra il primo gol di Kamada: "Non si scorda mai..."

Sito di informazione ed approfondimento sulla S.S. Lazio.
Diretto da Franco Capodaglio

Powered by Slyvi