header logo

Dopo Sarri, parla anche mister D'Aversa. Il tecnico dei salentini ha presentato la sfida Lecce-Lazio in conferenza stampa.

Come arriva la squadra? Gallo è a disposizione?
"I ragazzi arrivano con una condizione psico-fisica ottimale, domani sarà una partita impegnativa e quanto fatto finora non basterà. Affrontiamo la Lazio, che ha un allenatore che lavora già da diversi anni. Gallo è recuperato al 100% e può partire anche dall'inizio".

È ipotizzabile un centrocampo a 2?
"Loro usano molto i centrocampisti in costruzione, sono una squadra che fraseggia molto e cerca il possesso palla. Un centrocampo a due può essere una soluzione laddove si vuole essere più aggressivi sui centrocampisti.".

Quanto sarà importante la spinta del pubblico?
"Giocare davanti a 30 mila spettatori deve essere qualcosa in più, dobbiamo essere bravi noi a entusiasmarli. Sin dal primo giorno ho sentito il loro entusiasmo, anche in ritiro. Abbiamo voglia di mettere in difficoltà una squadra che lo scorso anno è arrivata seconda in classifica. Dobbiamo essere determinati, sulla carta l'avversario è più forte ma a volte quello che dice la carta non corrisponde a quello che dice il campo. Il campionato vero inizia domani, senza nulla".

È ipotizzabile un impiego di Kaba?
"Sì, la scelta della formazione la riservo fino all'ultimo. È una scelta che ritengo di fare fino all'ultimo: fisicamente è pronto".

In attacco manca una pedina?
"Numericamente siamo ok per domani nel ruolo del centravanti: ci sono Strefezza, Burnete e Persson. Persson è a disposizione, un giocatore del Lecce al 100%".

Quanto pesa la mancanza di Milinkovic Savic?
"È nota la sua importanza. C'è un giocatore simile come Vecino, ha le stesse caratteristiche. Le qualità della Lazio sono tante altre".

A che punto è Rafia?
"Ci sono giocatori che per eccesso di generosità alle volte si spingono molto avanti. È un giocatore di qualità che corre tanto. Nasce come trequartista. In Serie A la qualità aumenta: migliorerà col lavoro".

VIDEO

https://youtu.be/o-eI8WUTJcU
EDITORIALE - Cronistoria di una Scudetto: Sono le 18:04 del 14 maggio 2000, la Lazio è campione d'Italia
Lazio, Sarri: "Kamada non è pronto fisicamente ma è un giocatore già fatto. Mentre Isaksen..." - VIDEO

Sito di informazione ed approfondimento sulla S.S. Lazio.
Diretto da Franco Capodaglio

Powered by Slyvi