header logo

Ai microfoni del Tempo è intervenuto l'attaccante esterno della Lazio Felipe Anderson che ha rilasciato una lunga intervista parlando del suo futuro, ma anche della sua vita familiare dopo l'arrivo della piccola Helena. Diventare padre è sempre stato uno dei miei sogni, anche quando ero più giovane. I bambini mi sono sempre piaciuti. È un’emozione che non si può spiegare».

Prima notte

"Grazie a Dio sta andando tutto bene. Dorme, anche se c’è qualche momento in cui piange. La madre da mezzanotte alle otto non mi sveglia, vuole che mi riposi, poi durante il giorno ci sono di più".

300 partite con la Lazio

“Da quando sono tornato mi sono sposato, ho avuto la bambina, è l’ottavo anno qui. La Lazio come ho sempre detto non è più una squadra o un club, è molto di più. Soprattutto adesso che è arrivata questa fantastica novità nella nostra vita, sono sempre grato di essere qui. Non so ancora spiegare a parole quanto sia importante la Lazio per me”.

Rinnovo

“Con il presidente abbiamo un rapporto ottimo, stiamo parlando. Secondo me siamo sulla buona strada, per me e per la Lazio. Presto ci saranno delle novità, avremo un incontro i prossimi giorni e vediamo gli ultimi dettagli. Credo che manchi poco per prendere una decisione. Ho sempre detto a tutti di voler dare priorità alla Lazio e trovare un accordo che faccia felici tutti quanti. Anche il presidente ci ha dimostrato la voglia di voler continuare insieme. Vediamo nei prossimi giorni quello che succederà”.

Il presidente della Lazio Lotito

Offerte dall'Arabia e non solo…

“A fine giugno ci hanno chiamato per capire come fosse la situazione, se avevo voglia di andare via dalla Lazio. Sapendo che ero in scadenza, tante squadre mi hanno contattato, ma si è trattato di sondaggi, mai di trattative vere e proprie”.

Ritorno alla Lazio

“Dopo l’esperienza al Porto, dove ho giocato poco, sono tornato a Londra e ho chiesto a mia sorella, che era già la mia agente, di capire se ci fosse la possibilità di tornare alla Lazio, magari anche solo in prestito. Appena ho capito che si poteva fare, ho preso la palla al balzo. Ho parlato sia col presidente che con il mister, ma quando ormai era tutto definito”.

Brasile o Roma come casa…?

“Quando vado in Brasile è perché vado da mia madre, lì non ho ancora casa mia. Io penso di restare ancora tanto tempo in Europa, casa mia è qui a Roma”.

Sarri

“Quando lo sento che dice cose così belle su di me, mi viene ancora più voglia di ripagarlo sul campo per questa fiducia. Non è facile trovare un allenatore che punti su di te, che dice queste cose. Io con lui devo solo dare tutto sul campo e migliorare. Lui ci sta chiedendo più movimenti, più giocate veloci e più gol”.

Inizio stagione difficile

“Secondo me tutto il gruppo pensa al bene della squadra, i singoli però devono migliorare. Stiamo iniziando ad avere solidità, questo ovviamente sul lungo periodo ci porterà i punti che ci mancano. Serve ancora qualcosa in più dal punto di vista degli spunti individuali. Soprattutto quando non arrivano le prestazioni e non posso incidere come vorrei mi resta un po’ di amaro in bocca perché non siamo nella posizione di classifica dove dovremmo essere. Nelle ultime partite però abbiamo visto che la squadra sta tornando”.

Rendimento al di sotto delle aspettative 

“Noi mettiamo sempre al primo posto la squadra e se la squadra non è nella posizione che noi vorremmo ognuno si guarda dentro per cercare di fare meglio. Ci dispiace non riuscire a fare il massimo per la Lazio”.

Condizione fisica

“Siamo calati un po’ fisicamente, anche su questo lavoreremo in vista delle prossime partite”.

Falso nueve o esterno?

“Il mio posto preferito in campo è dove posso giocare più palloni. In quel momento da attaccante mi sono divertito tanto perché ero al centro del gioco. Sull’esterno ho giocato la maggior parte della mia carriera e devo crescere ancora con il movimento senza palla”.

Inzaghi e l'esterno di centrocampo a 5 ed il rifiuto con il Genoa…

“Mi dispiaceva perché non potevo fare ancora bene quel ruolo. In quella posizione stavo tanto tempo senza giocare la palla. Sarà stato per l’età, mancanza di maturità, sicuramente non ripeterei certi atteggiamenti. Però mi ha fatto crescere giocare in quella posizione: non è che non volessi farlo, provavo a dare tutto. Quel periodo però è stato quello che mi ha fatto crescere di più perché ho imparato a fare la fase difensiva”.

Milinkovic in azione con la maglia della Lazio

Mancanza di Milinkovic 

"È una questione di sintonia tra i giocatori che giocano da quella parte. Dobbiamo parlare di più, conoscerci maggiormente. Anche perché nel calcio di oggi non c’è tempo, bisogna fare tutto in modo automatico. Ma nelle ultime partite siamo cresciuti molto, anche per le cose che ci chiede il mister".

Derby

“Se avessimo avuto una posizione migliore di classifica avremmo rischiato un po’ di più, anche se eravamo un po’ calati fisicamente perché avevamo speso tanto. Se avessimo avuto più punti sarebbe stato più facile anche a livello mentale. Ora la Lazio ha solo bisogno di punti, è questa la priorità”.

Champions League 

“Se vogliamo cambiare mentalità, non solo noi ma tutto l’ambiente, dobbiamo puntare a passare il turno. Ma non solo in Champions, lo stesso discorso va fatto in Coppa Italia e in campionato. Sempre alzare l’asticella. Tutti devono capire che la Lazio vuole lottare sempre per tutti gli obiettivi. Non sarà facile perché ci sono tante squadre che al di là della qualità hanno anche l’esperienza di giocare questo tipo di partite, lo abbiamo visto molto bene in Champions”.

Isaksen in mixed zone

Isaksen

“Secondo me in Italia serve sempre un po’ di tempo, anche io ne ho avuto bisogno. Per me lui farà cose grandiose perché ha tanta voglia, lo dimostra in ogni allenamento, è umile. Io ho una bellissima amicizia con lui. Gli dico sempre: “quando entri devi segnare, hai un dribbling incredibile”. Ha tantissima voglia di lavorare e di prendersi il posto”.

Pallone d'oro a Neymar

“Ci dispiace per gli infortuni degli ultimi anni che lo hanno allontanato dai vertici e dall’élite del calcio mondiale. Però lui ha tanta voglia, c’è gente che lo cura ogni ora del giorno per farlo tornare al top anche per il Brasile. E penso che il suo obiettivo è il prossimo Mondiale: se lo vince può ancora pensare di conquistare il Pallone d’Oro perché uno come lui se lo merita”.

EDITORIALE - Cronistoria di una Scudetto: Sono le 18:04 del 14 maggio 2000, la Lazio è campione d'Italia
Lazio, Lotito attacca la Roma: "Per lo sponsor Expo 2030 li ho chiamati 4 volte, ma la società giallorossa..."

Sito di informazione ed approfondimento sulla S.S. Lazio.
Diretto da Franco Capodaglio

Powered by Slyvi