header logo

E' scoppiata la grana Vecino in casa biancoceleste in vista della gara contro il Genoa di questa sera valevole per gli ottavi di finale di Coppa Italia. Sono passati quasi due mesi da quando Sarri in conferenza stampa dopo la vittoria contro l'Atalanta firmata proprio da un gol nel finale di Vecino aveva elogiato l'atteggiamento del centrocampista. Sarri aveva svelato di aver impedito lui la cessione del centrocampista che era stato vicino al Galatasaray sul finire del mercato. C'erano state poi le ottime prestazioni in Champions League condite dal gol al Celtic Park che era valso il pareggio e tante altre apparizioni che hanno reso l'ex Inter e Fiorentina un giocatore importante in questo inizio di stagione.

vecino esulta con Castellanos dopo il gol contro l'atalanta

Il retroscena

Era arrivato poi l'infortunio nel derby che lo aveva messo KO per la sfida di Salerno, mentre la squalifica lo aveva tenuto fuori dalla lista dei convocati contro il Celtic. Tutto nasce quindi poco prima della gara contro il Cagliari quando Vecino non avrebbe accolto di buon grado l'esclusione dall'undici titolare. Qualche parola di troppo ed un atteggiamento non consono durante i 7 minuti in cui era stato impiegato nel finale contro i sardi. Da li la decisione di Lotito e Fabiani di dare un segnale forte al gruppo. Proprio Lotito sullo scarso rendimento della squadra durante la gara contro il Cagliari aveva chiarito come "Non c'entra nulla il tecnico, ma ora va preso qualche provvedimento…”. Il primo a pagare, quindi, è stato proprio Vecino che ieri si è allenato a parte e che è stato escluso per motivi disciplinari dalla gara contro i liguri. Al momento non sono note le dinamiche future, ma di certo fanno sapere da Formello come la società non ha intenzione di tollerare più comportamenti che possano minare la serenità e soprattutto il rendimento in campo della squadra. 

Le parole di Rovella prima di Lazio - Genoa

 

12 anni senza Mirko Fersini: il ricordo della società
CALCIOMERCATO LAZIO - Fabiani al lavoro per gennaio, ma prima serve cedere... - LA SITUAZIONE