header logo

Dura invettiva dai microfoni di Sportitalia da parte del Direttore Michele Crisciello che senza mezzi termini attacca Lotito per l'addio di Sarri ed il conseguente ingaggio di Tudor.

La Lazio paga l’assenza di un Presidente giustamente distratto da business e politica. Sarri, a Formello, Lotito lo avrà visto 3-4 volte in un anno. Non era un male ma quando non si vede o non si sente la voce del proprietario, i calciatori pensano di essere i nuovi capi dell’azienda. Invece non è così. Aver perso Sarri è stato un brutto colpo per il futuro del club. Lotito ha perso prima Tare e poi l’allenatore. Ora deve fare una rivoluzione importante ma non può credere che Tudor sia il futuro. D’accordo i contratti, va bene i progetti ma Tudor non è l’allenatore ideale per la Lazio del futuro. Il tecnico non si discute ma la Lazio, negli ultimi anni, si era abituata molto bene e solo 12 mesi fa era seconda in classifica. Lotito fa bene ad occuparsi dei suoi interessi e di politica ma la Lazio va seguita quotidianamente per evitare casi come quello di Sarri dove chi ne esce maggiormente sconfitto è proprio “il Senatur

12 anni senza Mirko Fersini: il ricordo della società
CALCIOMERCATO - Zaniolo: "Mi manca l'Italia, ma andare alla Lazio..."