header logo

Non si da pace Jose Mourinho per la sconfitta della Roma nella Finale di Europa League contro il Siviglia. Nella conferenza stampa dopo la sconfitta sul campo della Juventus lo Special One rispondendo ad una domanda dei cronisti sul bilancio del 2023 è tornato ancora a Budapest ed all'arbitraggio di Taylor.

Bilancio 2023

"Il 2023 in condizioni normali sarebbe stato un anno storico per la Roma. Avrebbe vinto un titolo europeo per la seconda volta di fila, avrebbe giocato una Supercoppa europea, la Champions da vincitrice di un trofeo. Sarebbe stato un anno storico. Il Dio del calcio non ha voluto, ma non è stato il Dio del calcio. È stata una serata infelice di un gruppo di arbitri di top livello. La Roma ha fatto una cosa straordinaria nel 2023, meritava di vincere quella finale". 

Futuro

“Ora finiamo questa metà di stagione da qualificati in Europa, non abbiamo ancora giocato in Coppa Italia. Ora pensiamo alla quarta posizione in campionato, facciamo di tutto per arrivare lì. Una vittoria ti avvicina, una sconfitta ti allontana. Giochiamo con Juve, Napoli, Atalanta, Milan di fila, questo ci allontana dal target ambizioso. Poi quando abbiamo partite contro squadre di livello cerchiamo di mangiare tutti i punti per arrivare lì. Questa sconfitta mi dà gioia da un lato: Ndicka, Cristante, Bove, guardo a tante cose positive che mi danno sempre più forza. Domani è un altro giorno, dopodomani è un altro anno. Tra 4 giorni è un’altra partita, andiamo là per dare tutto”.

Le parole di Isaksen in mixed zone dopo Lazio - Frosinone

24 gennaio 1947, nasce il mito che non muore più: Chinaglia, eterna icona del calcio romantico
Lazio, Felipe Anderson festeggia le 300 presenze in biancoceleste: "Grande motivo d'orgoglio...."