header logo

Alla vigilia della gara contro il Sassuolo ha parlato ai canali ufficiali della società il difensore Elseid Hysaj che ha presentato la sfida agli emiliani.

Che tipo di partita servirà per vincere?

"Servirà sicuramente una partita come sappiamo anche noi che lo scorso anno abbiamo sofferto tanto li, come tutte le squadre forti. A Sassuolo è veramente dura portare a casa punti, sappiamo che se diamo il 110% nostro possiamo farcela a portare via il risultato”.

Le vittorie contro Celtic e Atalanta sono state pesanti per le classifiche di Champions e Serie A, cosa hanno lasciato?

“Sicuramente sono state vittorie che ci servivano, ci hanno dato tanta stima e stimolo. Ci hanno dato chiarezza che possiamo vincere e giocare contro tutte le squadre e quindi dobbiamo essere sicuri di noi stessi”. 

HYSAJLCON LA MAGLIA DELLA LAZIO

Sassuolo ha tanta qualità davanti con Berardi, si può dire che la partita si deciderà sulla tua zona?

“Sicuramente si sa che loro davanti hanno giocatori di alto livello e stanno bene in questo momento. Sappiamo che è una squadra che gioca a calcio sia dietro sia davanti, Berardi sarà sulla fascia mia o di un altro e quindi dovremo stare attenti anche nelle fasi di costruzione loro”

Sei il calciatore albanese più presente in Serie A, quanto sei orgoglioso di questo? Ripensando anche a tutta la gavetta che hai fatto

“È sempre un onore fare qualche record, io gioco a calcio per questo. Sono cresciuto e vado ancora avanti con questa mentalità, di fare il più possibile e di giocare più partite possibili. Alla fine della mia carriera voglio esser contento di quello che ho lasciato dietro di me”.

Lo scorso febbraio sei diventato padre per la terza volta, sei un punto fermo per la Lazio e per l’Albania con cui sei vicino alla qualificazione di Euro2024. È il miglior momento di sempre? 

“Spero che qua sistemiamo un po’ di i punti e forse a fine anno potrò dire che sia stato il mio migliore anno. Per dirlo però bisognerà aspettare”.

VIDEO

EDITORIALE - Cronistoria di una Scudetto: Sono le 18:04 del 14 maggio 2000, la Lazio è campione d'Italia
Lazio, Abodi confessa: "A Roma è arrivata prima la Lazio e sullo Stadio Flaminio..."

Sito di informazione ed approfondimento sulla S.S. Lazio.
Diretto da Franco Capodaglio

Powered by Slyvi