header logo

Al termine della gara, Luis Alberto è intervenuto ai microfoni di Sky Sport: "Sapevamo che sarebbe stata una partita complicata. Loro sono una squadra fisica, mettono in campo tanta intensità. Non meritano di stare lì. Non siamo stati al livello delle ultime prestazioni, dovevamo dare qualcosa di più e poi serviva la fortuna di fare questo gol.
Da quando siamo tornati a dicembre abbiamo un altro atteggiamento. Anche se perdiamo o non vinciamo la squadra c'è. E poi neanche la miglior squadra vince sempre. Oggi era importante vincere e anche se non abbiamo giocato benissimo abbiamo vinto. Prima questo ci mancava, se non giocavamo bene avevamo difficoltà. Un nuovo Luis Alberto? Ho sempre giocato tanto, in questo momento sto bene fisicamente e si vede. Questo piace al mister e al gruppo ed è per questo che mi fanno giocare, se no stavo in panchina. Ho cambiato il mio modo di giocare, sono meno libero, gioco per far girare la squarda, devo aver più equilibro e aiutare anche in fase difensiva. E' quello che mi chiedono e devo fare così".

Il Mago ha parlato anche ai microfoni di Lazio Style Channel: "Oggi era importante vincere vista la gara difficile. Per me la Sampdoria ha giocato bene e non merita la classifica che ha. Per tanti anni mi hanno detto che non sapevo calciare da fuori area, e invece negli ultimi tempi mi riesce spesso. Ci si deve provare sempre e stare sul pezzo, io gioco sempre per la squadra. Oggi la squadra è stata un po’ più lenta del normale, l’ho detto anche io ai compagni sia in campo che nello spogliatoio. Non si può sempre giocare bene, prima queste gare non si vincevano e oggi sì. Esultanza? Un’ esultanza che avevo promesso alla gente di Cadice. Ho imparato a non ascoltare nessuno. La gara è stata difficile e va bene vincere così. Il mister mi vede bene per quello mi fa giocare”.

NAPOLI - “Sfidiamo una delle tre squadre che gioca\ meglio in Europa, sono in stato di grazia, giocano un bellissimo calcio. Sarà una gara difficilissima ma sappiamo come affrontarla”

EDITORIALE - Cronistoria di una Scudetto: Sono le 18:04 del 14 maggio 2000, la Lazio è campione d'Italia
Lazio- Samp, Stankovic: "Qui a a Roma anni fantastici. Deluso dal risultato perché..."

Sito di informazione ed approfondimento sulla S.S. Lazio.
Diretto da Franco Capodaglio

Powered by Slyvi