header logo

Alla vigilia della sfida tra Torino e Lazio ha parlato in conferenza stampa il tecnico dei granata Juric che ha presentato la sfida alla squadra di Sarri.

La partita con la Lazio arriva nel momento giusto?

Sul piano psicologico sì perchè i ragazzi sono vogliosi. Sul piano fisico è stata una settimana bruttina con tante influenze e tanti problemi. Oggi vediamo come siamo messi, è stata una settimana particolare.

Quali sono gli aspetti della Lazio a cui porre maggiore attenzione?

Poco da parlare di loro, li conosciamo, arrivano dalla vittoria in Champions contro il Bayern e contro il Bologna hanno fatto un'ottima gara ma è andata male. Hanno tanti giocatori di talento e un allenatore che sa esattamente quello che volevano fare. Contro di loro sono spesso uscite delle belle partite. Speriamo che anche domani sia così e che riusciamo a prevalere.

Quale è il punto degli indisponibili?

Per Vojvoda un brutto colpo alla schiena, non ci sarà. Tameze non si è allenato, vediamo se ci sarà. Ieri Djidji non si è allenato per un problema alla caviglia, vedremo oggi se ci sarà. Alcuni ragazzi devono andare oltre al dolore per essere presenti domani.

Quale è il punto degli indisponibili?

Per Vojvoda un brutto colpo alla schiena, non ci sarà. Tameze non si è allenato, vediamo se ci sarà. Ieri Djidji non si è allenato per un problema alla caviglia, vedremo oggi se ci sarà. Alcuni ragazzi devono andare oltre al dolore per essere presenti domani.

Ha parlato col presidente dopo quello che ha detto sul suo contratto?

Non parlo col presidente ogni giorno, quello che importa è che questa squadra è arrivata a un bel punto con tanto sacrificio e volontà. Abbiamo un’occasione e vogliamo dare felicità. Si respira una bella aria al Filadelfia. Il resto è inutile. Ora contano le partite, quella di domani, poi la Roma, la Fiorentina e il Napoli. Vogliamo ottenere il massimo, il resto sono cose che non hanno nessuna influenza.

Si è creato finalmente un circolo virtuoso tra squadra e tifosi? C’è un ambiente positivo?

Io vorrei che fosse così. Noi dobbiamo dare la spinta, loro devono appoggiarci, dobbiamo essere tutti insieme. Magari le altre squadre sono più attrezzate e più abituate a stare su, noi siamo in emergenza ma dobbiamo andare oltre. Bisogna sentire che siamo su un treno che non passa ogni anno e dobbiamo prepararci bene per questo. Dobbiamo provare tutto.

C’è una ghiotta occasione per superare due squadre. Pensi che la tua squadra sia pronta o che la pressione possa fare un brutto scherzo?

Io penso che in passato semmai è mancata pressione. Spesso la mia conclusione è che era mancata pressione addosso. Io voglio che i ragazzi ce l’abbiano. Si allenano bene, quello che mi preoccupa è l’emergenza infortuni. Per il resto voglio che ci sia pressione, voglio che sappiano che possono regalare a tutti una grande gioia. Voglio che i ragazzi sentano la pressione e non la subiscano. Al Fila è stato bello domenica vedere i ragazzi essere appoggiati dai tifosi. Domani non ci deve essere stress, ma siamo arrivati a questo punto e dobbiamo giocarcela bene.

Lazio, Roma, Fiorentina e Napoli. E’ più preoccupato o elettrizzato da questo calendario?

Sono curioso. La mia preoccupazione sono gli infortuni, il vomito di uno, la febbre dell’altro, la caviglia dell’altro ancora. Spesso le partite le decide chi entra dalla panchina. Bisogna avere tutte le armi per avere la meglio di squadre più attrezzate. Ma sono elettrizzato, sì, dalla possibilità di affrontare queste squadre.

Come sta Sanabria? Può essere titolare?

Mi è piaciuto questa settimana, ha recuperato, aveva bisogno di fermarsi. Domani decidiamo, in ogni caso siamo pochi e abbiamo bisogno di tutti. Lui, comunque, ha fatto una buona settimana.

Vlasic ha un po’ deluso col Lecce, insisterà su di lui o magari parte dalla panchina?

Non ho ancora deciso. Sta alternando prestazioni di alto livello come a Cagliari o a Sassuolo, ad altre meno brillanti come col Lecce. E’ stata una settimana particolare, anche lui ha avuto un problema, vediamo l’allenamento di oggi e valutiamo tutto.



 

 


 

12 anni senza Mirko Fersini: il ricordo della società
Lazio, Isaksen: "Ero vicino al Feyenoord, ma poi è arrivata la Lazio e..."