header logo

Alla vigilia della sfida tra Lazio ed Inter è intervenuto in conferenza stampa prima della gara di campionato il centrocampista biancoceleste Nicolò Rovella che ha parlato della sfida ai nerazzurri. 

Cosa servirà per battere l'Inter

“Servirà una partita molto attenta con voglia di fare. Può sercirci per riprenderci da un momento così e così”.

Europeo

"Questo lo spero sempre, la Nazionale è il sogno di tutti, soprattutto qui in Italia. Spero in una convocazione, so che devo fare ancora meglio ma perché no".

Famiglia interista

“Ho esordito in Serie A contro l'Inter, ma la mia famiglia è tutta interista e spero che tifino per me domani”.

La qualificazione in Champions League stimolo per il campionato

“La qualificazione agli ottavi è un traguardo importante e non scontato, e anche la qualificazione ai quarti di Coppa. In campionato siamo indietro ma siamo lì”. 

Registi si nasce o si diventa

"Sicuramente Calhanoglu ha qualità incredibili. L'Inter ha sempre avuto grandi registi, guardavo anche Brozovic per come si muoveva. Il turco aveva un tipo di gioco molto da regista. Non è una sorpresa per me. L'aveva già fatto. Sarà bello giocarci contro".

rovella in campo con la maglia della Lazio

Miglioramenti con Sarri

"Credo di essere migliorato nella fase difensiva, come mi ha chiesto il mister. Sicuramente devo fare di più in fase di possesso per andare più avanti con il mio raggio d'azione".

Corsa scudetto

"Sono due squadre fortissime, per me l'Inter ha qualcosa in più della Juventus. Spero domani di fare uno scherzo all'Inter".

Mancanza del gol

"Si, mi manca segnare. Ma il regista è lontano dalla porta ed è difficile. Devo comunque migliorare, anche con gli assist. SI può lavorare di più e ci penso anche io, oltre al mister. Il ruolo del regista è più arretrato, anche gli altri in Serie A non segnano tanto".

Percezione delle critiche

"Noi pensiamo a fare bene in campo, a divertirci e a giocare. Noi siamo in lotta per tutti gli obiettivi, le conclusioni vanno tirate alla fine. La squadra per me è molto forte. Possiamo giocarcela per entrare in Champions. Magari serve qualche gol in più e subirne qualcuno in meno, però dobbiamo continuare come stiamo facendo".

Scontri diretti

“Abbiamo già dimostrato di essere forti negli scontri diretti, come contro il Napoli e il Milan. Noi siamo a livello delle altre. Noi domani andiamo in campo per vincere. Vedo anche la squadra come si allena”.

Sorteggio Champions League

"Agli ottavi non lo so. Spero di giocare contro il Real Madrid, è un mio sogno giocare al Bernabeu".

Esperienza con Sarri

" Io sono venuto qui per il mister, anche per l'ambiente. Il mister è un maestro di calcio, mi ha aiutato tantissimo come tutto lo staff".

24 gennaio 1947, nasce il mito che non muore più: Chinaglia, eterna icona del calcio romantico
Arianna Mihajlovic: "Un mese prima i medici mi avevano detto che Sinisa sarebbe morto, ma con i miei cinque figli..."