header logo

Ai microfoni di Radio Deejay ha parlato l'ex Direttore Sportivo della Lazio Igli Tare che ha commentato la stagione dei biancocelesti. Tra i temi toccati anche il secondo posto dello scorso anno che spesso Sarri ha definito un miracolo e sul quale Tare non ha risparmiato una bordata al tecnico toscano che per molti è stato una delle cause del suo allontanamento dalla Lazio. 

Anni in biancoceleste

"Nella Lazio ho cercato di essere me stesso e fare il meglio possibile. Rappresentare una società come la Lazio è un impegno importante e faticoso. E' stata un'esperienza unica, che porterò sempre con me anche nel futuro. Grazie a questa esperienza sono in grado di affrontare qualsiasi altra avventura.

Miracolo secondo posto?

"Si è spesso parlato di miracolo. Questa parola mi dà molto fastidio. Io sono convinto che anche quest'anno la Lazio abbia una grande rosa, che può competere per i primi quattro posti. Io penso che il miracolo può essere quando si vince una partita, non quando per un anno intero sei tra le prime quattro del campionato. Quando prendi un allenatore come Sarri e hai una squadra che l'anno prima era arrivata agli ottavi di Champions, vuol dire che sei protagonista di un processo di crescita. Nel calcio si parla troppo spesso di miracoli. Come ad esempio il Bologna di quest'anno o l'Atalanta anni fa: i nerazzurri erano in alto perché lo meritavano, come i rossoblù oggi. I risultati sono frutto del lavoro".

Guendouzi erede di Milinkvic

"E' un giocatore veramente forte, anche per la personalità che mette in campo. Ma è completamente diverso da Milinkovic, che era una mezzala di inserimento che decideva le partite da solo: Guendouzi ha caratteristiche da mediano basso o da mezzala, ma non puoi chiedergli le stesse cose che faceva Milinkovic". 

12 anni senza Mirko Fersini: il ricordo della società
Bayern Monaco, Matthäus avverte: "Tuchel potrebbe non essere in panchina contro la Lazio..."