header logo

Dai microfoni di Radio24 l'amministratore delegato della Lega Calcio Luigi De Siervo è tornato a parlare della Supercoppa Italiana . Il tema principale è stato quello di facilitare la presenza dei tifosi italiani alla manifestazione qualora la stessa si svolgesse fuori dai nostri confini come accaduto a Riyadh.

"Non vogliamo trascurare i nostri tifosi per cui per la prossima edizione ci impegneremo a sostenere anche economicamente dei charter perché il calore che riescono a esprimere i nostri tifosi è unico e soprattutto vogliamo che anche sugli spalti i tifosi locali e italiani riescano a cantare all’unisono".

Inter e Lazio schierate a centrocampo a Riad nella semifinale di Supercoppa Italiana

Bilancio finale

"Il bilancio della Supercoppa Italiana a 4 squadre è ottimo. Come tutti i nuovi progetti pensavamo ci fosse bisogno di più tempo per metterlo a punto, ma in realtà già alla prima edizione a 4 squadre abbiamo ottenuto ottimi risultati di ascolto, sia in semifinale, con partite che hanno superato le aspettative, ma soprattutto la sfida Napoli-Inter, che ha battuto in termini di ascolti la finale dello scorso anno, Inter-Milan, che sulla carta avrebbe dovuto raggiungere un’audience maggiore".

Scelta dell'Arabia Saudita

"In Arabia Saudita il calcio sta sbocciando e si preparano ad accogliere il Mondiale 2034, gli investimenti sulla parte sportiva e calcistica sono sempre più rilevanti, non potevamo perdere questa opportunità. Come hanno ribadito Barone, De Laurentiis, Lotito e Marotta quello dell’Arabia Saudita è uno scenario da cui, per i prossimi anni, il calcio che conta non potrà prescindere. La Serie A per crescere deve concentrare i propri sforzi in un’ottica internazionale considerato che oltre il 90% dei nostri tifosi sono all’estero. Purtroppo la Serie A vent’anni fa ha perso il treno più importante, quello della globalizzazione, quando dominavamo tutte le competizioni internazionali. All’epoca restammo focalizzati solo sull’Italia e sui nostri tifosi domestici. Tenete conto che oltre il 70% delle persone in Arabia Saudita ha meno di 35 anni. Pensare di non essere presenti in un mercato che si apre come quello saudita è come ignorare la caduta del muro di Berlino. Dobbiamo essere sempre più presenti sui mercati ad alto potenziale. Oggi è l’Arabia Saudita, in passato è stata la Cina e prima ancora gli Stati Uniti. Se vogliamo conquistare un mercato prospettico non possiamo che essere lì a presentare il meglio del nostro calcio. Giocare partite ufficiali all’estero è oramai una prassi consolidata per tutte le grandi leghe, non soltanto calcistiche, lo fanno anche la NFL e l’NBA senza nessuna polemica".

Atalanta - Lazio, dove vedere la partita in Tv ed in streaming
DAZN, il Ceo Azzi sui prossimi eventi free: "Vogliamo portare l'esperienza sportiva più innovativa al maggior numero di tifosi" - LA LISTA DELLE PARTITE GRATUITE