header logo

Al termine della gara contro la Lazio è intervenuto in sala stampa il tecnico del Sassuolo Dionisi che ha risposto alle domande dei cronisti presenti.

Errori del Sassuolo 

"Nel primo tempo ho visto un insieme di errori tecnici con non avevo mai visto tutti insieme ma credo che oggi ci sia stata una Lazio decisamente positiva e un Sassuolo negativo. Al 30′ ho guardato il cronometro, palle buttate fuori, mancava solo che qualcuno si girasse e calciasse a Consigli. Troppi errori tecnici. La cosa positiva rispetto al passato è che un errore ci ha compromesso il risultato, oggi ce ne sono stati tanti di più giocatori, speriamo che ne abbiano fatti tanti nella stessa gara, oggi li abbiamo sommati tutti. Il risultato è giusto, c’è poco da dire

Un punto in 3 partite

“Non credo. Non dico che quei risultati ci hanno fatto male perché sono stata il frutto del lavoro. L’Inter sembra quasi imbattibile e noi abbiamo vinto facendo la partita giusta. La gara di oggi è il peggior primo tempo, ma neanche a Frosinone nel secondo tempo siamo stati così, c’era stato l’atteggiamento superficiale, oggi ho visto tanti errori mai visti, errori cambiava errore, i giocatori erano svuotati come se avessero compromesso il campionato. Nella ripresa abbiamo reagito ma dobbiamo prendere tutto. Noi siamo questi”.

Discorso a fine primo tempo

"Ruan si deve aiutare da solo. Ora vede tutto nero ma non deve vedere tutto nero come non deve vedere tutto positivo quando le cose vanno bene. Nessuno ha problemi ha con lui, sappiamo che potenziale ha, deve star dentro alle prestazioni positive e negative Ci sono giovani che hanno più maturità rispetto all’età, altri invece hanno una maturità che deve ancora farsi e Ruan fa parte di questo. Si sbaglia e sbaglierà ancora, dovrà essere più bravo, dovrà crescere la sua mentalità quando le cose le farà bene. A fine primo tempo ho parlato del secondo, aveva poco senso trovare gli errori del primo. Dovevo focalizzare la squadra per correggere gli errori pià importanti i vista del secondo e anche i cambi sono stati in funzione di quello, ho cercato di cambiare pur pensando che avrei potuto cambiare di più o qualcun altro per mettere dentro qualcuno con la mentalità non condizionata dal primo tempo. Il secondo è stato anche una conseguenza del primo

Pressione della Lazio? Paura di perdere Berardi?

"Sorpresi no, perché la palla gliel’abbiamo consegnata noi. La Lazio ha fatto una prestazione da 8, per merito proprio, noi quando abbiamo sbagliato gliel’abbiamo data la palla, poi loro l’hanno fatta e sono stati bravi, sia sui gol ma anche in situazioni dove Consigli ha salvato il risultato. Berardi? Paura ce l’ho per altre cose, non ho paura nemmeno se dovesse andare via un giocatore, sono consapevole che qui i giocatori vengono lavorati e migliorati per essere venduti. Lui è il giocatore più importante e determinante di questa squadra, sarebbe un problema perderlo, si lavora con lui e prima o poi speriamo che non tocchi a me, Domenico deciderà di andare via ma non dipende da me e da noi, per ora ce lo godiamo ancora per un bel po’ ma il futuro non so come andrà

Crescita della Lazio

“Sapevo che oggi la Lazio avrebbe fatto una gara importante, aveva avuto i giocatori a disposizione per 2 settimane, quindi una squadra così che ha tutto l’organico a disposizione, lavora due settimane, viene da prestazioni positive, non era il momento migliore per affrontarla, ma dobbiamo prendere tutto e lo sapevamo. Noi avevamo diverse defezioni ed è un peccato non averla giocata al 100% noi ma credo che il risultato sia stato giusto per tanti meriti della Lazio e per demeriti nostri. Boloca deve star dentro ogni partita anche lui. L’unico campione ha il numero 10 nel Sassuolo, gli altri devono crescere: chi deve confermarsi, chi deve dimostrare, Daniel è uno di questi. È arrivato in punta di piedi e sta facendo buone cose, oggi di positivo c’è poco però, tutti responsabili compreso l’allenatore”.

Difficoltà dopo la sosta

“Non posso cambiare il regolamento, dobbiamo lavorarci. In questa tornata avevamo 9 nazionali, alcuni erano giovani, poi Bajrami e Berardi hanno giocato e gli altri no, quindi perdi alcuni ragazzi che sono appena arrivati come Pedersen che è stato pià con la Nazionale che col Sassuolo da quando è arrivato, non sa la lingua. bisognerebbe mandare video ai ragazzi che sono in nazionale per ottimizzare il tutto ma oggi il problema siamo stati noi, non la nazionale. Nel primo tempo ho visto troppi giocatori che non hanno messo coraggio per giocare negli errori e contro una squadra così è difficile”.

Video

 


 

 

 

21 giugno 1987 Lazio - Vicenza: Giuliano Fiorini diventa un eroe biancoceleste
Sassuolo - Lazio, Marelli: "Che pasticcio di Di bello e dell'assistente. Non si arbitra così..."