header logo

Il tecnico Stefano Pioli a Milanello ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della trasferta in casa biancoecelste. Ecco le sue parole.

PERIODO DIFFICILE

"Dobbiamo affrontarlo e superarlo. Le critiche ci stanno in questo momento, siamo tornati ad essere una grande squadra, le aspettative sono alte, ma abbiamo basi solide. Affrontiamo questo momento con umiltà, compattezza e voglia di reagire. I miei giocatori sono forti e meritano la mia fiducia. Resettare questo momento ci è servito. Dobbiamo migliorare sotto tutti i punti di vista. L'aspetto più importante è quello mentale. Ricordiamo il match dell'anno scorso, in cui abbiamo sofferto, ma abbiamo resistito e abbiamo portato a casa la vittoria alla fine". 

LA GARA DI DOMANI

"E' importante perchè vogliamo superare questo momento difficile con una prestazione da Milan. Sappiamo che è una gara importante. Quando alleni una squadra così forte le aspettative sono sempre altissime. Sono stati 10 giorni difficili, abbiamo giocato tanto, dovevamo fare di più Ora abbiamo due possibilità: o continuare a piangerci addosso o reagire. Noi stiamo facendo di tutto per reagire". 

NOVITA'

"No però dentro il nostro sistema di gioco abbiamo sviluppato varie interpretazioni e diverse posizioni sul campo, cosa che proveremo a fare anche domani". 

TOMORI

"Ho un gruppo molto responsabile. Sono state molto positive e ci hanno portato molte energie, ora quelle negative bisogna affrontarle. Non abbiamo mai cercato un colpevole, tutti dobbiamo fare meglio".

LA LAZIO

"Stanno facendo un ottimo campionato, hanno un allenatore capace e con un'identità ben precisa. Mancherà Immobile, ma Felipe Anderson sta facendo bene da prima punta". 

IBRA

"Il recupero procede bene, sta rispettando la tabella. Ha ripreso a lavorare sul campo da solo. La sua condizione va valutata giorno per giorno, non so quando rientrerà. E' sempre presente nello spogliatoio, quindi avrà sicuramente parlato con la squadra". 

THEO E GIROUD

"Stanno bene, lo dicono anche i nostri dati. Parlo con loro tutti i giorni. Poi ci può stare un leggero contraccolpo psicologico dopo la finale persa, ma sono sicuro che daranno il loro contributo".

NESSUN ERRORE

"Stiamo preparando bene la partita. Non ci siamo mai allenati male. Mi aspetto una squadra pronta. L'approccio è importante, è importante anche giocare da squadra per tutta la partita". 

LA GARA DI DOMANI

"Sono due squadre che provano a dominare la partita. Dovremo essere più dominanti di loro. Loro hanno giocatori di qualità, lasciare alla Lazio il pallino del gioco vorrebbe dire permettere a questi giocatori di metterci in difficoltà". 

SQUADRA LUNGA

"I dati non sono così distanti da quelli dell'anno scorso. E' che i nostri avversari stanno concretizzando di più quello che creano rispetto ad un anno fa. Forse stiamo concedendo occasioni più importanti". 

AVVERSARIA

"Vuole palleggiare, vuole uscire con la palla rasoterra e con azione manovrata. Stanno bene in campo, dovremo contrapporci con le nostre qualità". 

IDENTITA'

"In due o tre partite non perde la sua identità. Abbiamo faticato, ma la nostra identità è chiara e precisa". 

VIDEO

https://youtu.be/3Ad-bL_kN-M
EDITORIALE - Cronistoria di una Scudetto: Sono le 18:04 del 14 maggio 2000, la Lazio è campione d'Italia
Lazio Women cade di misura contro l'Hellas Verona

Sito di informazione ed approfondimento sulla S.S. Lazio.
Diretto da Franco Capodaglio

Powered by Slyvi