header logo

Nel post partita di Feyenoord - Lazio, Stefano Sanderra è intervenuto in conferenza stampa per commentare la prestazione dei suoi ragazzi che hanno pareggiato per 2-2 contro la squadra olandese.

 

"Partita difficile, contro una grandissima squadra, realtà e scuola calcistica dove si unisce tecnica, velocità e grandi giocatori con fattore cognitivo. Io da sempre li ammiro ed essere riusciti a giocarsela e a pareggiare una partita del genere è un motivo di soddisfazione.

La Lazio ha un gruppo consolidato, un lavoro fatto in profondità da tutto lo staff sulla mente dei calciatori, sull'energia che tutti danno. Oggi abbiamo fatto delle rotazioni, i ragazzi hanno risposto presente. Questa energia che si moltiplica quando tutti mettono davanti la squadra ai propri interessi poi viene fuori quello che tecnicamente non è possibile. Fare risultato contro Fiorentina e Feyenoord è motivo di soddisfazione proprio perché c'è un grande gruppo. 

Io mi aspetto sempre di migliorare i ragazzi. Hanno fatto dei passi da gigante, sotto diversi punti di vista. Bisogna anche essere onesti, è un periodo in cui gli episodi ci "girano bene". I ragazzi in campo ci sono, sono contento dei miglioramenti.

Zazza ha fatto una buona partita, anche Nazzaro. Sono ragazzi che in allenamento spingono, si fanno trovare pronti. Questo è motivo di soddisfazione, l'inclusione di tutta la squadra che poi dà energia positiva. Nessuno viene escluso e nessuno pensa di non giocare.

Gli avversari arrivavano da tutte le parti. Fare muro in difesa è frutto di un lavoro molto attento. Adesso abbiamo dei margini di miglioramento nello sviluppo della manovra, per arrivare più volte con più giocatori nella metà campo avversaria. Il Feyenoord fa la cosa opposta, ma noi abbiamo evidenziato qualche lacuna perchè qualcosa dietro lasciano come tipico del calcio olandese.

Stiamo in una realtà che per noi è lontana. C'è tanto da lavorare. Il giocatore del Feyenoord è un prodotto di tanto lavoro. Oggi giocarsela con loro è un arricchimento calcistico e culturale e di questo sono contento".

EDITORIALE - Cronistoria di una Scudetto: Sono le 18:04 del 14 maggio 2000, la Lazio è campione d'Italia
Primavera, Renzetti: "Ci abbiamo creduto fino all'ultimo. Sul rigore..." - VIDEO

Sito di informazione ed approfondimento sulla S.S. Lazio.
Diretto da Franco Capodaglio

Powered by Slyvi