header logo

Il tecnico della Lazio, Maurizio Sarri, è intervenuto in conferenza stampa per presentare la sfida di domani contro il Bayern Monaco. Queste le parole del mister che ha risposto alle domande dei cronisti presenti.

La sua emozione nel vivere un appuntamento con la storia?

 

"Non ho grande emozioni. Qui bisogna arrivare coraggiosi e determinati. La partita sarà durissima, ne siamo consapevoli. Questo ci deve dare spirito di sacrificio e capacità di sofferenza. Nel calcio tutto è possibile. Non dobbiamo essere emozionati, ma incazzati"

 

Venite da due sconfitte, ma da due prestazioni diversi. Firenze un incidente di percorso?

"Non penso che ci sia qualcosa che non funziona, ma giochiamo tanto. Contro il Bologna abbiamo pagato il secondo tempo, a Firenzie siamo arrivati stremati. Partite come quelle di domani ci danno esperienza. Per diventare sempre competitivi bisogna fare un percorso, ma non lo siamo ancora. Nell'ultimo periodo ho avuto delle sensazioni positive, abbiamo gli stessi difetti, ma continuo a vedere cose positive. Ho la sensazione che qualcosa sia cambiato nel gruppo".

Dovete inseguire voi o farete voi il gioco?

"La strada più semplice per la qualificazione non esiste. Loro hanno una qualità smisurata e come tutte le squadre con giocatori di grandi qualità hanno facilità nel trovare il gol. Dobbiamo soffrire e morire nella fase difensiva, ma avere anche il coraggio di fare gol".


Perché non abbiamo saputo un pensiero contro il Milan?

"Abbiamo fatto una grande partita, senza mai andare in sofferenza. Prima e dopo il gol abbiamo sfiorato la rete con Immobile. Fino all'1-0 non abbiamo mai subito. Abbiamo ingoiato un boccone amaro, ora spero che questo si trasformi in cattiveria".

E' contento di ricominciare dopo venerdì? Cosa vuole dire ai tifosi che saranno qua domani?

"Ringrazio ai tifosi di essere venuti e spero si facciano sentire, così come spero che possano tornare a casa meno incazzati di come eravamo tutti venerdì sera".

Si aspetta qualche cambio nel Bayern?

"Kimmich terzino e Davies che torna titolare sono cambi che ci possono stare. Il tedesco può fare otto ruoli con grande qualità. Chiunque giochi sono una squadra di grande qualità, questo è palese. Hanno anche giovani di grande livello qualitativo, quindi non ci preoccupiamo dei singoli".

EDITORIALE - Cronistoria di una Scudetto: Sono le 18:04 del 14 maggio 2000, la Lazio è campione d'Italia
Lazio, Delio Rossi attacca Sarri: "Squadra piatta senza reazioni, ma Di Bello ...."

Sito di informazione ed approfondimento sulla S.S. Lazio.
Diretto da Franco Capodaglio

Powered by Slyvi