header logo

Le pagelle di Salernitana - Lazio:

Provedel: 6 E' attento sul tiro cross di Candreva che gli sbuca dopo un nuvolo di giocatori. Sembra metterci una pezza anche sul tiro di Bohinen che finisce sulla traversa dopo una sua piccola deviazione. Bravo sul tiro ravvicinato di Candreva, ma cade sulla punizione dalla distanza in cui poteva fare qualcosa in più.

Lazzari: 6 Sembra aver trovato dei buoni meccanismi con Guendouzi e Felipe Anderson anche se non riesce a trovare lo spazio giusto pr fare male. Trova l'ammonizione in maniera ingenua che gli costa il cambio. 

Hysaj (dal 61'): 5 Entra in gara nel momento di difficoltà per cercare di dare un contributo di esperienza per arginare le offensive dei padroni di casa. Viene preso anche lui in balia delle onde. 

Patric: 5 Partita complicata in cui non riesce ad essere presente nel momento del bisogno quando si lascia anticipare in area dal tap in di Kastagnos. Da li parte una gara in sofferenza.

Gila: 5,5 All'esordio in stagione gioca una gara onesta in cui commette alcune piccole sbavature, senza però grandi errori. Non si poteva pretendere di meglio da lui.

Marusic: 5,5 Gara in cui gioca in maniera guardinga senza mai affondare. In fase difensiva lascia troppo spazio a Mazzocchi che combina il cross da dove nasce il gol del pareggio.

Cataldi: 4,5 Si vede solo in occasione del lancio per il rigore conquistato da Immobile.Per il resto gioca una gara mediocre condita da errori in fase di appoggio ed in fase di interdizione. 

Vecino (dal 80'): sv Pochi minuti in un momento di confusione in cui non tocca quasi mai il pallone.

Guendouzi: 5 Gara anonima in cui corre tanto, ma a vuoto. Poca personalità in fase di costruzione in cui si limita al minimo indispensabile.

Kamada: 5 Fa una fase difensiva accettabile in cui intercetta diversi palloni perdendosi completamente in quella offensiva. 

Felipe Anderson: 4,5 Timido e svogliato per tutto l'arco della gara non prova mai l'affondo sulla fascia facendosi vivo solo in occasione del cross dove si infortuna Zaccagni. Per il resto viene sovrastato fisicamente dai suoi avversari.

Isaksen (dal 68'): 5 Sbaglia molto, ma in un momento in cui i molti si nascondono.

Immobile: 6 In un primo tempo anonimo tira fuori il coniglio dal cilindro procurandosi un rigore solare, trasformandolo con grande freddezza. Finisce qua la sua gara con la squadra ce

Castellanos (dal 68'): 5 Pochi palloni giocabili in un momento in cui si dovrebbe gettare il cuore poltre l'ostacolo. Quelli che tocca non li gestisce bene, ma la squadra non lo aiuta.

Zaccagni: 5,5 Qualche buono spunto unito però a qualche errore di misura nella fase di rifinitura. Si infortuna in maniera sfortunata pr cercare di ribadire in rete un cross di Felipe Anderson. 

Pedro (dal 61'): 4,5 da lui ci si aspetta il colpo risolutore ed invece il suo ingresso in campo coincide con il momento di maggiore confusione. Sbaglia tutto.

Sarri: 4 La squadra sembra imbavagliata dai suoi schemi di gioco. Molto però dipende dalla poca incisività degli attaccanti e dei centrocampisti che non provano mai la giocata decisiva e quando lo fanno sbagliano. Serve un'inversione di marcia perchè oggi si è capito che in avanti la squadra è sterile e scolastica. 

24 gennaio 1947, nasce il mito che non muore più: Chinaglia, eterna icona del calcio romantico
Salernitana - Lazio, Inzaghi: "Servirà la partita perfetta per batterli..."