header logo

Intercettato a Spielberg in Austria in occasione del Gran Premio di Formula Uno che si correrà domani sul circuito Red Bull Ring il portiere della Lazio Ivan Provedel ha parlato della sua passione per i motori e non solo.

"Si, sono grandissimo della Ferrari. Siamo venuti qui con gli amici, siamo col camper qui. Me la sto godendo appieno".

FERMARE VERSTAPPEN

"Verstappen imparabile? Arriva forte, è dura. Per il momento lo è. Ci proviamo a pararlo, vediamo come va".

FERRARI

"Mi aspettavo di meglio no, ma da tifoso speri nel meglio, nella vittoria. Il tifoso è questo. Spera sempre nella vittoria. Ci sono anche gli altri che sono più bravi. La Ferrari mi sembra però che stia recuperando, sono nella giusta direzione, bisogna incitarli. Nel camping mi diverto molto. Siamo in discesa, poi anche salita. Mi mantengo allenato. Dobbiamo un po' smaltire le cotolette e tutte le cose che si mangiano qui. Bellissima esperienza, c'è un po' di fango, ma si apprezza anche quello".

COSA IMAPARARE DALLA FORMULA UNO DEL CALCIO

"In comune c'è la cura del dettaglio. Il dettaglio fra la differenza sempre di più. Io da casa vi sento parlare di tecnicismi e mi fa impazzire. Leclerc si scalda col pallone? Io col simulatore. Possiamo fare a cambio. Leclerc ha un buon tocco di palla comunque".

PILOTA PREFERITO

"Ovviamente da piccolino c'era Michael Schumacher. Oggi se devo pensare a un pilota oggi, è inutile di parlare di Hamilton o Leclerc. A me piace tantissimo Carlos Sainz. Mi sembra un grande lavoratore, che cerca attraverso lo studio di colmare il gap sugli altri. Apprezzo questo suo aspetto. Mi sembra un pilota che ha fatto una discreta gavetta e queste persone mi ciono. Come me che ne ho fatta tanta, e so cosa vuol dire".

AFFRONTARE REAL MADRID DI SAINZ

"Ogni tanto la metto, come i bimbi. Se poi dovessimo affrontare il Real Madrid sarebbe bellissimo. La Champions League è questa. Parliamo di una partita. Si gioca come tutte".

OBIETTIVI

"L'obiettivo sarà quello di passare il turno in Champions League. Mi voglio divertire, godermi in ogni singolo momento. È il modo per fare del proprio meglio".

CLEEN SHEET

"I numeri si guardano, perché alla fine i numeri parlano di risultati. Contano. Puoi non piacere a qualcuno. Parlano i punti che fai".

PORTIERI ITALIANI

"Sono felice che molti ragazzi stiano emergendo. Io non sono più così giovane. Ne stanno uscendo tanti, ce ne sono di bravi. Bisogna solo dare la possibilità di esprimersi. Sono molto contento di questo. Ci sono tanti ragazzi bravi. Vedi Carnesecchi che conosco, sta migliorando tantissimo. Un grande talento, la punta di diamante".

EDITORIALE - Cronistoria di una Scudetto: Sono le 18:04 del 14 maggio 2000, la Lazio è campione d'Italia
Roma, le cessioni non hanno raggiunto la soglia imposta dalla Uefa - LA SITUAZIONE

Sito di informazione ed approfondimento sulla S.S. Lazio.
Diretto da Franco Capodaglio

Powered by Slyvi