header logo

Le pagelle di Lazio - Celtic:

Provedel: 6 Primo tempo da spettatore non pagante in cui però commette una mezza indecisione su un'uscita bassa. Nella ripresa di vede per una parata bassa ma regala un calcio d'angolo nel momento di difficoltà.

Lazzari: 7 Inizia la gara con grande foga andando spesso a in appoggio di Isaksen costituendo la catena dove la Lazio crea di più. Nella ripresa cambia il volto della gara con un paio di palloni rubati che cambiano l'inerzia della gara.

Gila: 7 Gara di grande sostanza in cui non sbaglia nulla sbrogliando un paio di situazioni complicate in area di rigore. Nel finale convulso non si lascia prendere dalla foga e rimane lucido fino alla fine.

Patric: 6,5 Dovrebbe fare da chioccia a Gila, ma stavolta è lui che si appoggia al compagno che lo salva in un paio di situazioni. Sbaglia qualche appoggio, ma rimane concentrato fino alla fine.

Marusic: 6,5 parte fore con un paio di incursioni cui però non da seguito. Rimane più guardingo anche se nella ripresa va vicino al gol con un gran tiro da fuori area.

Rovella: 4,5 Recuperato in extremis sembra in giornata negativa sia dal punto di vista tecnico che fisico. Tanti errori anche nelle giocate più facili e soffre la dinamicità dei centrocampisti avversari. 

Cataldi (dal 78'): 6 Mette ordine nel momento del bisogno.

Guendouzi: 7 Corre tanto e con grande efficacia. Peccato che gli manca un pò di conoscenza dei compagni che spesso non seguono i suoi tagli. E' la tachipirina della squadra quando nel finale i reparti si allungano ma lui colma tutte le distanze.

Luis Alberto: 6 “Anema e core” della squadra che trascina in avanti ogni volta che ha il pallone tra i piedi. Cala però vistosamente nella ripresa quando diventa stranamente impreciso e prevedibile. 

Kamada (dal 84'): sv Pochi minuti di gestione.

Felipe Anderson: 4,5 Sciupa in avvio una grandissima occasione con un colpo di testa da ottima posizione su cui non va con la giusta cattiveria. Continua a non saltare mai il suo avversario ed esce quando si deve dare una scossa anche emotiva.

Pedro (dal 61'): 6,5 Entra nel moment del bisogno e si mette al servizio della squadra gestendo il pallone da cui nasce il primo gol.

Castellanos: 5,5 Non si vede mai per i primi 45' minuti in cui corre a vuoto toccando pochissimi palloni. Nella ripresa si mette in moto per un paio di sponde, ma troppo poco per meritare la sufficenza.

Immobile (dal 61'): 9 Con l'ambiente spaccato e nel momento del bisogno si carica la squadra sulle spalle e tira fuori due gol che sono energia pura per la squadra e può ipotecare il passaggio del turno. E' tornato il Re…

Isaksen: 7,5 La Lazio si appoggia a lui che è l'unico esterno in grado di saltare gli uomini. Va vicino al gol del vantaggio ed entra nelle due reti regalando anche un assist ad Immobile. Imprendibile a larghi tratti merita più spazio.

Sarri: 6,5 Il paziente è ancora convalescente con alcuni giocatori in palese difficoltà Le sue scelte di formazione sono quasi estreme, ma il gruppo è con lui visto che i cambi risolvono la gara. 

24 gennaio 1947, nasce il mito che non muore più: Chinaglia, eterna icona del calcio romantico
Lazio-Celtic, la Nord risponde agli scozzesi: "Celtic pedophile club" - FOTO