header logo

Eh no, non ce n'è per nessuno. Ma mica da ieri, potremmo dire con certezza da sempre. La Nord ricorda ancora una volta, se ve ne fosse ancora bisogno, a tutti quanti di essere la curva più bella d'Italia. Lo fa con l'ennesima scenografia di grande impatto, forse una delle più belle degli ultimi anni. Questa volta corredata da una frase ricercata, storica e soprattutto perfettamente in sintonia con la natura dei tifosi biancocelesti. Quelli di meno, i pochi ma felici, quelli che però non soccombono mai.

"𝔑𝔬, 𝔪𝔦𝔬 𝔠𝔞𝔯𝔬 𝔠𝔲𝔤𝔦𝔫𝔬. 𝔖𝔢 𝔢’ 𝔡𝔢𝔰𝔱𝔦𝔫𝔬 𝔠𝔥𝔢 𝔰𝔦 𝔪𝔲𝔬𝔦𝔞, 𝔰𝔦𝔞𝔪𝔬 𝔤𝔦𝔞’ 𝔦𝔫 𝔫𝔲𝔪𝔢𝔯𝔬 𝔭𝔦𝔲’ 𝔠𝔥𝔢 𝔰𝔲𝔣𝔣𝔦𝔠𝔦𝔢𝔫𝔱𝔢; 𝔢 𝔰𝔢 𝔳𝔦𝔳𝔦𝔞𝔪𝔬, 𝔪𝔢𝔫𝔬 𝔰𝔦𝔞𝔪𝔬 𝔢 𝔭𝔦𝔲’ 𝔤𝔯𝔞𝔫𝔡𝔢 𝔰𝔞𝔯𝔞’ 𝔩𝔞 𝔫𝔬𝔰𝔱𝔯𝔞 𝔭𝔞𝔯𝔱𝔢 𝔡𝔦 𝔤𝔩𝔬𝔯𝔦𝔞. ℑ𝔫 𝔫𝔬𝔪𝔢 𝔡𝔦 𝔇𝔦𝔬, 𝔱𝔦 𝔭𝔯𝔢𝔤𝔬, 𝔫𝔬𝔫 𝔡𝔢𝔰𝔦𝔡𝔢𝔯𝔞𝔯𝔢 𝔲𝔫 𝔰𝔬𝔩𝔬 𝔲𝔬𝔪𝔬 𝔡𝔦 𝔭𝔦𝔲’.

Noi pochi, noi felici pochi, noi manipolo di fratelli" 💙

Gli ultras biancocelesti, spesso finiti sotto i riflettori per fatti decisamente meno edificanti, regalano ancora una volta al calcio tutto, non solo a chi tifa Lazio, uno spettacolo degno dello sport piú bello del mondo. Chi ama il calcio romantico, avrà senza dubbio apprezzato. Gli ultrà lo fanno con una frase che raccoglie il senso della fratellanza di un popolo che per storia e tradizione non è mai stato avvantaggiato. Né dai numeri, tantomeno dal destino di chi, per questi colori, ha dato la vita. Troppi, "un numero già più che sufficiente".

E la scenografia, che dire del disegno della battaglia di Agincourt raccontata da Shakespeare, incorniciata dai colori delle mille bandiere sventolate di fronte alla Sud. Era il 1415, e grazie al discorso di Enrico V furono gli inglesi a battere i francesi. Questi ultimi, non solo erano molti di piú, ma avevano anche mezzi più efficaci.

Eppure, "il manipolo di fratelli" anche stavolta ha fatto il miracolo. Su un campo diverso, certo, ma pur sempre quello che racconta una battaglia. Hanno vinto loro, contro la massa, hanno vinto i laziali. Quelli mossi da una fede e da un sentimento che da decenni porta fieramente arte, bellezza e storia sugli spalti. Un manipolo di fratelli, un popolo bellissimo.

Il più bello d'Italia.

https://youtu.be/hxIZ2XHkudU
https://youtu.be/bYuRdnflcCg
EDITORIALE - Cronistoria di una Scudetto: Sono le 18:04 del 14 maggio 2000, la Lazio è campione d'Italia
Lazio - Roma, Ciardi si scaglia contro Nuno Santos: "Che senso ha andare a brutto muso contro Pedro? Rischiamo di diventare una barzelletta..."

Sito di informazione ed approfondimento sulla S.S. Lazio.
Diretto da Franco Capodaglio

Powered by Slyvi