header logo

Intervenuto all'evento organizzato dall'Ordine dei Giornalisti di Roma dal Presidente Guido D'Ubaldo il Presidente della Lazio Claudio Lotito ha parlato della lotta interna che si sta per aprire tra FIGC e Lega Calcio per le riforme. Al numero uno biancoceleste non va giù il ruolo secondario che la Lega Calcio ha nello stabilire le nuove regole e chiede un maggior peso nei poteri decisionali. Lotito quindi è pronto a fare la guerra alla FIGC anche davanti ad un giudice.

Sono i numeri a dire che noi non contiamo nulla: se La Lega Dilettanti unisce i suoi voti a quelli della Lega Pro, stiamo parlando della vecchia Serie C, quell’accordo è sufficiente a mettere in ginocchio qualsiasi idea degli altri club. La sintesi è banale: un club di Serie C conta più di uno di A. Una società dilettantistica più di una che gioca in Champions League. Adesso basta: faremo causa alla FIGC.

Dalle pagine di Repubblica Lotito poi ha rincarato la dose parlando anche del fatturato che genera la Serie A rispetto a quello delle altre componenti della FIGC. 

Noi vogliamo che la Lega di Serie A, quella composta dai club che hanno immagine, tifosi e producono il 90 % del fatturato, si trasformi in qualcosa di diverso: la Lega di Serie A deve essere la nuova Premier League.

Le parole di Hysaj alla vigilia di Lazio - Milan

12 anni senza Mirko Fersini: il ricordo della società
CALCIOMERCATO LAZIO - Definite le posizioni di Maximiano e Marcos Antonio in vista della prossima estate