header logo

Ai microfoni di RadioSei è intervenuto l'ex centravanti biancoceleste Bruno Giordano che ha parlato del possibile arrivo in biancoceleste di Tudor come successore di Sarri. 

Ha fatto delle buone stagioni. Personaggio molto deciso, allenatore di grande polso. Completamente diverso rispetto a Sarri come filosofia, ma è comunque un allenatore quotato. Non accettò il Napoli in corsa. Ora l’importante è che la Lazio non sbrachi in questo finale di stagione. Non ci aspettavamo una conferma del secondo posto, ma essere in lotta con le altre per l’Europa. Ora la squadra deve rispettare il popolo della Lazio che c’è sempre, nel bene e nel male. Le responsabilità vanno divise equamente, dai giocatori, al tecnico e alla società. Esattamente come la scorsa stagione i complimenti si sprecavano. Tudor ha dimostrato di non aver paura di niente a Marsiglia, mettendo fuori dai giochi uno come Payet. E’ uno che non guarda in faccia a nessuno. Sarebbe un cambio completo di modo di pensare. Messaggi social per Sarri? Non vedo perché pubblicizzare queste cose, a Roma non si dorme. Sarri avrà avuto le sue buone motivazioni per rinunciare a tutti quei soldi, ma io non avrei mollato la nave. Ora la palla passa solamente ai calciatori, che vengono messi di fronte alle loro responsabilità.

12 anni senza Mirko Fersini: il ricordo della società
Lazio, Lotito durissimo sulle dimissioni di Sarri: "È stato tradito da qualcosa di strisciante nel gruppo..." - VIDEO