header logo

Aurelio Andreazzoli è intervenuto su Empoli-Lazio in conferenza. Queste le sue parole dalla sala stampa del Castellani.

"Ho fatto i complimenti ai ragazzi, hanno fatto la partita che mi aspettavo. Con le idee chiare, poi però ci sono gli avversari che te le sporcano le idee. Davanti avevamo una squadra molto forte, con qualità estrema, trasformano i boccioli in rose in tutte le occasioni. Anche nella prima parte di gara abbiamo lasciato il contropiede, non siamo stati fortunati nelle occasioni dei gol, loro sono stati bravi a cercarlo e a noi poteva andare meglio. Di contro non è successo a noi, e poi è stato bravo Provedel a levarla da dentro la porta. Ci sono i numeri che dicono che abbiamo tirato 21 volte in porta e abbiamo giocato nell'area avversaria più di loro. Dispiace non aver raccolto nel momento migliore nostro, fino al secondo gol loro. Siccome siamo meritevoli sono certo che le situazioni cambieranno, non è possibile che vada sempre contraria. Dobbiamo mantenere l'entusiasmo che il nostro pubblico ci ha trasmesso".

ASSENZE

"Giocavamo contro la squadra che lo scorso anno ha fatto un campionato di rilievo. La qualità è rimasta quella, anzi per certi versi è aumentata e mi sembra che la prestazione l'abbiamo fatta. Caputo ci è mancato perché ha quelle qualità di sfruttare le occasioni che capitano. Poi in quella porta lì (di Provedel nel secondo tempo, ndr) ci succede sempre qualcosa. Forse sarebbe bene che qualcuno faccia qualcosa...".

SECONDO GOL


"L'azione del secondo gol non l'ho vista e sai perché? Non conta niente, non ho incidenza e la mia tendenza è di fidarmi dei professionisti che vengono a fare il loro lavoro (arbitri, ndr). Poi spesso non sono d'accordo, a volte non lo sono anche tra loro ed è anche normale. Ho visto la Lazio contro l'Inter e in un frangente ha tenuto palla per 2 minuti e 20 e farlo contro l'Inter è importante. Noi abbiamo il dato del possesso a favore contro la Lazio, ma manca il resoconto della classifica, ma arriverà per forza".

DERBY

"Sono passati 10 anni dal derby e ti posso dire che mi fa incazzare incontrare la Lazio perché perdo sempre. La squadra mi piace, gioca bene: l'ho vista domenica scorsa e mi è piaciuta più dell'Inter. La reputo una squadra molto importante che gioca bene, sta bene in campo. Se Maurizio dice che non è da alta classifica chiedetelo a lui. Dico che è una squadra importante e l'ha dimostrato anche stasera".

24 gennaio 1947, nasce il mito che non muore più: Chinaglia, eterna icona del calcio romantico
Empoli - Lazio, Sarri: "Regalo di Natale? I punti, il mercato laziale a gennaio storicamente si muove poco..."