fbpx

Lazio-Milan, la conferenza di Sarri: “L’80% dei mental coach sono fasulli. Io che ci sto a fare? Faccio un appello ai giornalisti…” – VIDEO

Voleva una prestazione di maturità, mister Sarri, ed ha ottenuto una grande partita dei suoi. Il tecnico biancoceleste è intervenuto in conferenza stampa per rispondere alle domande dei cronisti presenti.

RISPOSTA DALLA SQUADRA

“E’ una conseguenza della disponibilità che tutti i giocatori hanno di mettersi a disposizione del collettivo. L’appello lo faccio anche a voi. Se vogliamo continuità bisogna avere equilibrio. Lo posso mantenere io, che non mi importa di nessuno. Ma per i giocatori è più difficile. La prestazione di stasera non ci fa partire 1-0 alla prossima. E’ l’aspetto che ci manca per fare il salto di qualità. Negli scontri diretti abbiamo fatto più punti di quanto pensavamo, invece vedi Genova o Empoli…Se vogliamo diventare una squadra forte dobbiamo limare questo problema”.

PUBBLICO

“Più gusto sul fatto che ho rivisto tutte le uscite da dietro che avevamo preparato. Non mi limiterei a me, penso dia gusto anche ai giocatori. Il pubblico lo ringrazio sia a Reggio Emilia, dove sembrava di essere in casa, che qui. Non li posso che ringraziare”.

SQUADRE PIU’ FORTI

“Ci sono squadre che quando fanno dei cambi nel reparto avanzato hanno giocatori di grande livello. Noi siamo alla ricerca di fare il nostro meglio, dobbiamo pensare ai nostri difetti. Non si possono regalare punti.Noi dobbiamo avere nella testa di tirar fuori il meglio che possiamo fare”.

MENTAL COACH

“Ritengo che l’80% dei mental coach siano fasulli. Al massimo prendo uno psicologo dello sport, sennò io che cazzo ci sto a fare? Quello che manca a noi è che ci sballiamo un quarto d’ora in una partita e rischiamo di perdere”.

RISULTATISTI

“Ci sono stati anni in cui le partite vinte erano tante, come al Napoli e al Chelsea. Non riesco nemmeno a capire il termine risultatista. Se uno vince vuol dire che ha una squadra con caratteristiche ben definite. A me piace avere la sensazione che la squadra sia padrona del gioco. Noi quando facciamo la fase offensiva in allenamento a 30 metri dalla porta finisci. Dopo tocca a te. Noi dobbiamo parlare per idee”.

PRESTAZIONI INDIVIDUALI

“Ho visto fare molto da parte dei giocatori, negli ultimi 20 giorni ho visto una grande disponibilità. e’ una situazione che spero prosegua, se poi siamo tutti a disposizione ti ripaga. Stasera ho visto tante belle prestazioni individuali”.

ITALIANI

“E’ importante avere un nocciolo duro di italiani per creare il gruppo. uno straniero fa fatica a capire il calcio qui. Ho visto stadi inglesi a 10 minuti dalla fine della partita vuoti. Ci vogliono mesi per capire il calcio in Italia. Ne ha beneficiato tantissimo la Juventus”.

FELIPE ANDERSON

“Uno scarso lo reinventi difficilmente. Io nella necessità sono stato fortunato, sono state scelte derivate dalla difficoltà. E’ un giocatore forte e si è saputo reinventare, lui 95% per tecnica, io 5% per incoscienza”.

VIDEO