header logo

La Lazio espugna il campo di Pisa, dove finora non aveva mai vinto, e conserva il primo posto solitario in classifica. I biancocelesti continuano a vincere offrendo prestazioni sempre più convincenti. A Pisa, su un campo che non si può dire certamente amico, la Lazio di Luca Angius mostra chiaramente la sua superiorità in ogni zona del campo. I padroni di casa reggono solamente la prima mezz’ora ma nella ripresa devono cedere all’onda d’urto della Lazio che chiude il conto, dopo la rete iniziale di Leonardo Guiducci, con un secondo tempo di alto livello.

Avvio equilibrato con la Lazio che comincia prudente per evitare spiacevoli sorprese. Il vantaggio arriva con un bel gol del giovane e talentuoso Leonardo Guiducci che, con un’azione personale, mette alle spalle del portiere con un tiro preciso. Il Pisa ha il merito di non disunirsi e di continuare a giocare con buona personalità anche se gli ospiti sono sempre molto propositivi. Il pareggio arriva grazie ad un errore della difesa biancoceleste che viene sfruttato da Amato.

Al ritorno in campo, dopo la pausa lunga, la Lazio preme sull’acceleratore e prende il comando delle operazioni arrivando con facilità al tiro. Due corti di Bruno Stellato, capocannoniere della Lazio, ed una splendida rete di Claudio Brocco, fissano il risultato sul 4 a 1 finale per la Lazio.

I biancocelesti proseguono spediti nel loro cammino verso la promozione. La squadra gira che è una meraviglia, tanto che Luca può utilizzare tutti i giocatori in rosa senza modificare minimamente l’ottimo rendimento della squadra. La Lazio crea moltissimo e segna con una regolarità disarmante. In ogni gara, ad eccezione della sfida con il Pistoia, i biancocelesti hanno sempre realizzato quattro reti a conferma della bontà della manovra offensiva.

È una squadra a Forza 4 che può contare sull’estro di Bruno Stellato, otto gol finora, e sugli ottimi spunti di Manuel Silvetti e di Claudio Brocco, quattro gol a testa. Ma è interessante anche notare come tutti i giocatori offensivi impiegati da Angius siano andati in gol. Due quelli realizzati da Leonardo Guiducci mentre uno a testa per Gideon Awuah, Mattia Magno, Edoardo Crema e Tomas Gonzales. L’unico difensore ad aver realizzato una marcatura è Giulio Brocco che, per attitudine e per caratteristiche, spesso si fa trovare in avanti a seguire la manovra offensiva della squadra.

Grazie a questo successo la Lazio conserva la testa della classifica con la Roma distante un solo punto; la sfida tutta romana prosegue.

-

Tutte le info su: www.laziohockey.it

-

 

EDITORIALE - Cronistoria di una Scudetto: Sono le 18:04 del 14 maggio 2000, la Lazio è campione d'Italia
Lazio, Lotito alza la posta: "L'obiettivo ora è il secondo posto..."

Sito di informazione ed approfondimento sulla S.S. Lazio.
Diretto da Franco Capodaglio

Powered by Slyvi