header logo

Finisce 46-27 l’ultimo turno della prima fase per la Lazio Rugby 1927, che chiude il Girone 3 da capolista a punteggio pieno a quota 100 punti.

Nella partita andata in scena Domenica 7 Maggio al “Villaggio del Rugby” di Napoli, i biancocelesti sono riusciti ad avere la meglio sugli sfidanti nell’ultima parte di gara dopo una partita combattuta giocata con grande intensità. Già matematicamente qualificati per la fase finale del campionato, sfideranno ora in semifinale una delle due prime classificate dei Gironi 1 e 2.

Appuntamento dunque per la semifinali del campionato che vedrà la Lazio Rugby 1927 scendere in campo nei due weekend del 21 e 28 Maggio.

La cronaca del match:

Nel primo tempo i biancocelesti andavano subito avanti con due marcature in successione, la prima al 3’ con Leonardo Sodo Migliori al largo mentre la seconda all’8’ su una ripartenza con Francisco Pannocchia. Tommaso Cruciani trasformava entrambe le marcature, per il 14-0 momentaneo. Al 22’ i padroni di casa trovavano la prima marcatura dell’incontro con il mediano Francesco Balzi, che segnava in bandierina su un’apertura sulla chiusa da mischia . Al 28’ la Lazio allungava nello score con la terza meta del match, realizzata questa volta da Santiago Gilligan, abile a raccogliere l’ovale in una ruck ed a involarsi in meta sotto i pali. Negli ultimi dieci minuti di gara il Napoli trovava due marcature sfruttando una superiorità numerica andando in meta in due occasioni al 32’ con il tallonatore Antonio Careri e successivamente al 40’ con il numero 8 su un’azione insistita nei 22 biancocelesti, con le due segnatura che trasformate da Vincenzo Gargano portavano il punteggio sul 21-19.

Nel secondo tempo al 44’ il Napoli si portava avanti nello score, con la meta realizzata da Shota Peradze e trasformata da Vincenzo Gargano. Nell’ultimo quarto di gara la Lazio trovava in successione le marcature che consentivano il sorpasso ed il consolidamento del risultato: al 68’ prima e successivamente al 76’ era il neo entrato Achraf Hliwa a segnare in due occasioni la meta che consentiva ai biancocelesti di riportarsi a distanza di sicurezza nel punteggio. Al 78’ su una superiorità in mischia biancoceleste era Niccolò Cristofaro a finalizzare in punti una maul avanzante, mentre all’80’ Fidel Sanchez si involava in meta sfruttando un pallone recuperato nei propri 22. Tommaso Cruciani trasformava in tutte le occasioni, chiudendo il match sul definitivo 46-27.

-

Tutte le info su www.laziorugby.it

-

 

EDITORIALE - Cronistoria di una Scudetto: Sono le 18:04 del 14 maggio 2000, la Lazio è campione d'Italia
Lazio, Milinkovic si confessa: "Con Sarri mi diverto ma preferivo il 3-5-2. Immobile? Ci capiamo so sempre dov'è..."

Sito di informazione ed approfondimento sulla S.S. Lazio.
Diretto da Franco Capodaglio

Powered by Slyvi