header logo

Si decide tutto sabato prossimo, Lazio Hockey e Roma vincono entrambi e, ad una giornata dal termine, mantengono invariata la propria posizione in classifica con i biancocelesti primi ad un punto di distanza.

Nella gara casalinga contro l’HT Sardegna la Lazio non ha dovuto faticare più di tanto per avere ragione di un’avversaria decisamente inferiore sotto tutti i punti di vista. Il punteggio tennistico, 6 a 0, con cui i biancocelesti hanno avuto ragione degli avversari, lascia poco spazio all’immaginazione. La Lazio di Luca Angius si è dimostrata superiore in ogni zona del campo, ha giocato con la consueta intensità, come se fosse la partita della vita, ed ha controllato la gara per tutti i sessanta minuti. Semmai dobbiamo censurare un certo nervosismo, totalmente ingiustificato, che ha dato luogo a scontri proibiti completamente fuori luogo. D’altronde la formazione sarda, con solo due punti all’attivo e la peggior difesa del campionato, non avendo risorse tecniche ha cercato di buttarla subito sullo scontro fisico, con il possente egiziano Ghobran a fare a sportellate con tutti e con l’esperto Polischuck a cercare di condizionare gli arbitri con le sue continue proteste. Un po’ troppo poco per cercare di arginare una Lazio straripante e concreta che, però, a livello mentale ha ancora molto da migliorare.

Molto belli i sei gol biancocelesti siglati da Bruno Stellato, una doppietta per lui sempre su tiro corto, Manuel Silvetti, tre gol uno più bello dell’altro e Claudio Brocco che in questa stagione vede la porta come mai prima d’ora.

Ma a sorprendere è stata tutta la squadra che si è dimostrata fortemente competitiva. Luca ha attinto dall’intera rosa a sua disposizione facendo giocare tutti, a cominciare dai due portieri, Timido e Matteo, che si sono alternati, per finire con quelli che, per forza di cose, giocano un po’ meno come Alessandro Cammarano e Jacopo Borghese. Tutti, nessuno escluso, hanno fornito il loro prezioso contributo alla causa esprimendosi al meglio delle loro possibilità.

Adesso resta da compiere solo un ultimo passo; sabato, in casa della Roma, ci vorrà una Lazio determinata ed attenta come la si è vista quasi sempre nel corso di questo campionato... la promozione in Élite è ad un passo!

Tutte le info su www.laziohockey.it

Il Presidente Roberto Brocco

EDITORIALE - Cronistoria di una Scudetto: Sono le 18:04 del 14 maggio 2000, la Lazio è campione d'Italia
S.S. Lazio Football weekend della solidarietà per i Ducks

Sito di informazione ed approfondimento sulla S.S. Lazio.
Diretto da Franco Capodaglio

Powered by Slyvi