header logo

Al termine della gara tra Sassuolo e Lazio ha risposto alle domande dei cronisti presenti il vice allenatore della Lazio Giovanni Martusciello. Il collaboratore di Maurizio Sarri ha diretto la squadra dal campo vista la squalifica del tecnico toscano.

Lazio ritrovata

"Non si era smarrita, bastava aspettare la condizione di qualche ragazzo nuovo. La partita è stata aggredita subito, l'abbiamo sbloccata dopo qualche minuto, ma possiamo farlo anche prima. Vi assicuro che in questi tre giorni l'allenatore ha martellato la squadra ed è frutto di questo la prestazione. Questo ambiente nasconde difficoltà impreviste, Sarri è stato bravo a indirizzare la squadra verso quella preoccupazione".

Luis Alberto e Castellanos?   

“Luis Alberto lo conoscete meglio di me, a volte si è ripetitivi su di lui. Se si mette a disposizione della squadra se ne beneficia tutti, poi ha altre caratteristiche rispetto a altri centrocampisti tra cui l'aggressività. Castellanos non è una scoperta, si era visto ed era stato dato l'ok per l'acquisto. Ha il fuoco addosso come Ciro. La titolarità è una parola, ma poi serve la disponibilità quando si è scelti o non scelti. Siamo contenti, anche del comportamento di Ciro. Si pensa di calcolare al meglio la condizione, oggi partono alla pari”.

Sarri in tribuna per scaramanzia

“Vinco sempre ma a furia di dirlo poi succede il contrario. La Lazio vuole giocare di più o meno? Non so se è una chiave di lettura giusta. In 15 giorni abbiamo lavorato al meglio. Romagnoli, Casale, Zaccagni e Immobile senza la nazionale hanno recuperato le energie nervose da mettere a disposizione. Vediamo le prossime se avremo le energie necessarie. La Champions”.

Rosa ampia

“La rosa ampia è un vantaggio importante. Quest'anno ne benficiamo a differenza magari degli altri anni. La fase difensiva è frutto della disponibilità di tutta la squadra a partire dagli attaccanti e questa fa la differenza e si evidenzia quando si vince. Quando si prende gol questa disponibilità si nota. All'inizio non lo facevamo, il motivo lo so in cuor mio ma non voglio dirlo. Evidentemente dovevamo picchiare il muso per uscire fuori”.

Arbitraggio 

“Non ci è sembrata una partita da chiudere con queste ammonizioni, ma io non voglio analizzare questo aspetto. Non vogliamo andare nella direzione polemica, quando si vince si lascia passare tutto. Noi dobbiamo pensare a fare il massimo”.

Difficoltà nel parlare con Sarri? Questa la Lazio migliore?

“Tante difficoltà senza Sarri, tra primo e secondo tempo c'è stato un confronto migliore, visto che dall'ato la sensazione è anche migliore. Il primo tempo è stato straordinario e l'obiettivo è allungare la prestazione del primo tempo per tutta la partita”.

 

 

24 gennaio 1947, nasce il mito che non muore più: Chinaglia, eterna icona del calcio romantico
Lutto nel mondo del calcio, addio a Bobby Charlton: Vinse il Mondiale del 66 con l'Inghilterra