header logo

Ai microfoni di Cronache di Spogliatoio ha parlato Riccardo Dose, famosissimo youtuber da oltre 2 milioni di follower, che ha un passato da attaccante nel Pordenone nel quale faceva coppia in attacco con Ivan Provedel. Il portiere della Lazio che ieri ha segnato un gol decisivo per il pareggio in Champions League contro l'Atletico Madrid ha giocato nelle giovanili come punta dove ha ottenuto buoni risultati. "Eravamo la coppia offensiva dei Giovanissimi Regionali del Pordenone. Abbiamo giocato insieme per due, massimo tre anni. Era a Treviso, club a quei tempi in B e reduce dalla Serie A, ma il Pordenone aveva deciso di investire sul settore giovanile e dato che lo avevamo affrontato molte volte e si era dimostrato forte, gli fecero una proposta. Già all’epoca, nonostante segnasse a raffica, chiedeva ai dirigenti di giocare in porta". 

 Dose ha poi raccontato un aneddoto che ha portato Provedel ha segnare un gol nelle giovanili simile a quello contro gli spagnoli."Nonostante l’altezza, era forte tecnicamente. I suoi gol più belli li ricordo segnati di piede, ma ne fece uno grazie a un mio assist proprio di testa contro l’Itala San Marco, una delle società rivali più forte. Quella rete mi ricorda quella all’Atlético! Prima degli allenamenti, calciavamo sempre in porta e lui parava. Sospettavamo che come portiere sarebbe comunque stato bravo, ma mai una cosa del genere! Decise di lasciare il Pordenone per andare in una piccola squadra locale, il Lia Piave, dove lo avrebbero fatto giocare tra i pali. Ebbe ragione: dopo un solo anno in cui veniva anche aggregato alla Prima Squadra, arrivarono le richieste dai professionisti, come Fiorentina, Chievo ed Hellas. Andò all’Udinese".

Per ultimo il suo ex compagno ha svelato il retroscena su quanto si sono detti ieri dopo la partita"Gli ho scritto: 'Ma che cazzo hai combinato?! Si vede che hai ancora i movimenti da attaccante’. Mi ha risposto ridendo".

24 gennaio 1947, nasce il mito che non muore più: Chinaglia, eterna icona del calcio romantico
Lazio - Monza, la designazione arbitrale - I PRECEDENTI