header logo

Le pagelle di Lazio - Roma:

Mandas: 7

Esordisce al derby in maniera improvvisa con il rischio di essere tramortito dall'emozione. Inoperoso fino all'87' minuto quando si supera su Belotti ed anticipa Pellegrini compiendo un intervento salva risultato.

Lazzari: 6,5

Torna titolare in ottica di un turnover ragionato e nel primo tempo è uno dei più pericolosi dell'intera partita. Un paio si due incursioni in area di rigore romanista creano scompiglio. Nella ripresa serve una grande palla a Vecino che sfiora il raddoppio.

Pellegrini (dal 66'): 6,5

Entra col coltello tra i denti e tiene la posizione andando a controllare la zona con grande attenzione senza commettere sbavature.

Patric: 7

Annulla Dybala che viene sostituito dopo il primo tempo. Non ha paura di fare a sportellate con Lukaku e quando serve nel finale subisce anche un paio di falli che fanno respirare la squadra.

Romagnoli: 7

Da derby a derby. L'ultima volta che era stato titolare era il 12 novembre contro la Roma e dopo due mesi di Calvario torna in campo di nuovo in una gara dal grande peso specifico. Si mette in tasca Lukaku che diventa la controfigura di Muriqi.

Marusic: 6,5

Prima a sinistra e poi a destra ha compiti prettamente difensivi che svolge con grande mestiere mettendoci anche il fisico su tanti palloni alti.

Cataldi: 6,5

Torna titolare nel derby e dimostra che la scelta è azzeccata visto che gioca una gara di sostanza e qualità. Esce quando non ne ha più, ma con la maglia sudata.

Rovella (dal 66'): 6,5

Entra quando c'è la lottare e lo fa con le sue armi. Recuperi in velocità e come una zanzara si materializza in ogni parte del campo dove c'è un pallone da recuprare.

Guendouzi: 7

La sua zazzera ormai svolazza per il campo e non sta mai ferma. Lotta con la spada quando c'è da battagliare, ma non disdegna di giocare con qualità quando la Lazio attacca.

Vecino: 7,5

La garra uruguagia si abbatte sulla Roma. Va vicino al gol in tre occasioni ed in pressing annichilisce Paredes e Cristante. Nel finale guadagna falli laterali che fanno passare il lunghiissimo recupero di Orsato.

Felipe Anderson: 7

Primo tempo così e così, ma si sveglia tutto un tratto nel secondo tempo dove crea le premesse per le azioni più pericolose della Lazio. Nel finale da falso nueve si sfianca in un pressing commovente.

Castellanos: 6,5 

Gara da lottatore in cui mette in mostra qualche limite di cattiveria sotto porta in un paio di situazioni in cui poteva fare meglio. Si riscatta conquistando il calcio di rigore 

Isaksen (dal 77'): 6

Avrebbe lo spazio ed un paio di palloni per fare male, ma subisce un pò la pressione del derby.

Zaccagni: 7,5

Realizza un rigore per niente semplice che decide la qualificazione. Viene maltrattato da Orsato che non lo tutela dalle maniere forti dei difensori della Roma. Esce stremato con la gioia di una vittoria ed un secondo figlio in arrivo.

Pedro (dal 66'): 6

Prende un rosso discutibile cadendo nella cagnara prevedibile dei giocatori della Roma.

Sarri: 8

Il Re dei Derby annichilisce Mourininho e ci regala un'altra festa dopo il compleanno di ieri. Comandante.

12 anni senza Mirko Fersini: il ricordo della società
Coppa Italia | Lazio - Roma, la conferenza stampa di Mourinho - VIDEO