header logo

Ai microfoni dei canali ufficiali della società ha parlato Felipe Anderson in occasione della sua centesima presenza consecutiva con la maglia della Lazio. Un vero e proprio record che è stata l'occasione per il brasiliano per raccontarsi.

100 PRESENZE CONSECUTIVE

Sono molto felice di questo traguardo e di questa sequenza così lunga. Ci sono tante variabili che influenzano, però nella mia carriera ho avuto poche lesioni, quindi sono grato a Dio per questa cosa e per la mia salute. E sicuramente le cose di base devono essere fatte nel modo giusto: mangiare bene, dormire bene, riposare il più possibile. Tutti questi fattori aiutano a continuare con questa sequenza”. 

MATURAZIONE

L’anno difficile al Porto mi ha aiutato, mi ha dato la forza. Mi ha fatto vedere quanto io fossi cresciuto mentalmente e come persona. Quando ho avuto la possibilità di tornare qui mi sentivo pronto per superare le difficoltà, sono tornato consapevole che ci fossero tante cose belle da fare. Sapevo che ci sarebbe stata un’opportunità di rilancio, ho sempre lavorato tanto. Tutto il tempo il mio cuore voleva un’opportunità, sapevo che sarei riuscito a tornare ad alti livelli”.

PARTITA PIU' BELLA DAL RITORNO ALLA LAZIO

"La partita più bella da quando sono tornato? Il derby. Ho segnato, è stata una serata magica. C’erano tante difficoltà, assenze pesanti, con le voci che giravano intorno. Quella è stata una settimana molto importante". 

RECORD PRESENZE CONSECUTIVE DI ZANETTI

"Il segreto è che sto dando sempre il massimo, pensando alla prossima partita. Faccio un recupero mentale e di forze, concentro tutto sulla partita e gli allenamenti, come succede adesso. Non allento mai la concentrazione, voglio fare il massimo possibile mettendomi a disposizione del mister". 

L'IMPORTANZA DI SARRI 

L’ho detto in tante interviste, non lo conoscevo di persona. Però ho visto il bel gioco, ho visto che le sue squadre giocavano con una forma diversa e caratteristiche uniche. Quando ho avuto la possibilità di lavorare con lui mi ha dato una carica in più. Gli piace sempre giocare con il pallone, stare al comando del gioco. Lui è quello che fino adesso mi ha dato più fiducia, crede sempre in me, questo non lo devo dimenticare mai per ripagarlo sempre sul campo. Sono migliorato nella continuità in tutta la gara, che in tutte le fasi di gioco la partecipazione che ho adesso non l’avevo in passato. Riesco a leggere meglio la partita”.

COMPAGNO DI SQUADRA CHE TI HA DATO DI PIU'

Compagno più forte? Sicuramente Lucas Leiva. Anche se non ho avuto modo di giocare tanto tempo con lui, è stato una persona molto importante. Siamo rimasti amici, anche dentro al campo ci divertivamo tanto. Mi ha sempre dato tanti consigli, anche per questo è stato una persona molto importante per me”.

NAZIONALE BRASIALIANA

Lavoro ogni giorno per onorare la maglia della Lazio. È il club che mi dà fiducia, che crede in me, quindi il mio primo pensiero è come aiutare la squadra. Poi ovviamente c’è il sogno di tornare e di avere un’altra possibilità di indossare la maglia del Brasile. Ancelotti è un grande allenatore, tutti lo conoscono. Spero che faccia bene con il Brasile”.

LA LAZIO PER FELIPE ANDERSON

La Lazio non è solo un club o una squadra di calcio, è parte della mia vita. Sono cresciuto in tutti i sensi: mi sono sposato, avrò una bambina. Per me e la mia famiglia non sarà mai solo una squadra di calcio”.

SIMONE INZAGHI

Abbiamo vissuto momenti difficili e momenti bellissimi. Uno dei più belli è stata la vittoria della Supercoppa Italiana insieme. La nostra storia è stata molto intensa. Sono molto grato a lui perché mi ha fatto imparare tante cose, ho scoperto che posso fare molto di più in campo”.

CANDREVA

“Giocava nel mio stesso ruolo, guardavo sempre in campo quello che faceva per imparare. Tirava fa fuori area, bellissimi cross, è stato uno dei miei preferiti”.

MANUEL PELLEGRINI -

“Questo mister mi ha voluto in una nuova squadra. Mi ha dato una fiducia incredibile. È da tanto tempo che non lo sento, non riesco a parlare con lui. Però se lo dovessi incontrare sicuramente lo abbraccerei perché mi ha dato tanto e mi ha permesso di fare una delle esperienze più belle”. 

PIOLI 

“Con questo mister ho vissuto il miglior momento della mia carriera qui alla Lazio. Con lui anche il rapporto è stato molto intenso, è un mister molto forte. Mi ha fatto crescere tanto, mi ha permesso di esprimermi come volevo dentro al campo, quindi in quel momento avevo bisogno di quella fiducia e di quella libertà e lui me l’ha data”.

MAURICIO 

"Questo ragazzo fino adesso è come un fratello. Anche alla Lazio eravamo tipo i migliori amici. C’è stato un periodo in cui eravamo da soli a Roma senza le nostre famiglie, ci siamo dati una mano importante. Siamo stati davvero buoni amici".

DE VRIJ 

"Anche con lui eravamo molto amici. Ringrazio il calcio di averlo incontrato. Abbiamo fatto anche le vacanze insieme, abbiamo girato il mondo. Andavamo molto d’accordo. Ho anche conosciuto tutti i suoi amici olandesi. Io però non parlavo né inglese né olandese, quindi non so come abbiamo fatto a comunicare però è stato bellissimo diventare un suo amico. Abbiamo vissuto bei momenti qui alla Lazio e gli auguro il meglio per la sua carriera".

VIDEO

https://www.youtube.com/watch?v=kHeSXu2xJDk&t=1s
EDITORIALE - Cronistoria di una Scudetto: Sono le 18:04 del 14 maggio 2000, la Lazio è campione d'Italia
Auto danneggiate per l'arrivo di Lukaku, lo sfogo del pilota: "Gente senza cervello e rispetto, ma la Roma ed Aeroporti di Roma?" - VIDEO & FOTO

Sito di informazione ed approfondimento sulla S.S. Lazio.
Diretto da Franco Capodaglio

Powered by Slyvi