header logo

Anche Lele Adani ha voluto dire la sua sulla Lazio ai microfoni della BoboTv e non ha perso tempo per rimarcare l'importanza di Maurizio Sarri nel progetto tecnico della società biancoceleste. "Prima guardavo la panchina, anche Lotito è andato più in la. Pellegrini, Patric, Lazzari, Gila, Vecino, Guendouzi, Basic, Pedro, Rovella e Castellanos. Per Lotito ha speso anche tanto, ma la Lazio è il suo allenatore, che ha vinto due volte a Napoli. Maurizio ha fatto due analisi dopo Lecce e Genoa e Sarri era già andato su quel che dovevano fare per crescere. Ha vinto con merito. Al posto di Milinkovic ora c'è Kamada che ha 5/6 gol l'anno nelle gambe. Sarri è la certezza di continuità e lavoro, Romagnoli è un giocatore che se non incontra Sarri fa un altra strada. Le parole di Immobile settimana scorsa sono azzeccatissime, Guendouzi, per dirti, è entrato da Dio. La Lazio ragiona nel collettivo, può far anche dei passi falsi, ma l'idea è quella".

5 luglio 1987, la Lazio del - 9 diventa leggenda: il ricordo della società - VIDEO
CAMPAGNA ABBONAMENTI - Il record prende sempre più consistenza - LA SITUAZIONE