header logo

La Lazio vince il derby di Roma e festeggia. Mister Sarri è intervenuto in conferenza stampa per parlare della vittoria di stadera contro gli uomini di Mourinho. Queste le parole ai cronisti presenti.

TIFOSI

"Se qualcuno pensa di abituarsi al derby sbaglia, Ho giocato negli stadi più importanti del mondo, ho sempre dormito. stanotte ho fatto fatica. Son contento per il popolo laziale perché oggi lo stadio era uno spettacolo. Sono contento per loro".

MOURINHO

"Non ci sarà un terzo derby? Mourinho è così, a me rimane anche simpatico. Abbiamo vinto il derby, siamo felici e non vogliamo fare polemica".

ROMA

"Io ho già letto i dati della partita, l'espulsione ci avrà agevolato ma la supremazia c'era già da prima. Io mi sono raccomandato di non avere fretta, di farli correre e farli girare. Prima o poi il buco si trovava".

RENDIMENTO DIFENSIVO

"Ero convinto che potevamo fare meglio dell'anno scorso, Romagnoli una pedina importantissima. Penso che sia diventato una guida per gli altri. Voglio spendere una parola per Hysaj: negli ultimi 2 mesi e mezzo, è uno dei giocatori più forti della Serie A".

IL VANTAGGIO

"Ci sono diversi gran premi della montagna. Le nostre più difficili sulla carta arrivano, poi tocca alle altre. Quando si parla di queste cose c'è comunque da giocare".

ASSENZA DI MOURINHO

"Noi siamo più importanti prima che durante".

IMMAGINI ROMA

"E' un gruppo molto compatto, questo è il loro modo di stare in campo. Hanno una compattezza quando succede qualcosa che noi dobbiamo essere bravi. Era una partita in cui potevano venir fuori molte ammonizioni e io volevo evitarlo".

ZACCAGNI

"Menomale che non viene chiamato in Nazionale. Ora ha bisogno di allenarsi. Noi da fine dicembre non ci siamo allenati. A Zaccagni penso faccia molto bene".

CHAMPIONS

"Io preferivo esserci in Coppa, è chiaro che ci potrebbe portare qualche vantaggio. Si parla di ipotesi. Vediamo l'evoluzione".

LE PAROLE DI SARRI PER IL DERBY

"Io della sconfitta ne ho parlato il giorno dopo, poi ho solo detto che questa partita ha una valenza doppia, che è uno scontro diretto. E' stato un bel martellamento, poi i ragazzi sono stati bravi a trovare forti motivazioni. In campionato sta venendo fuori la continuità. La testa dei giocatori è che inconsciamente abbia sentito più gli obiettivi di campionato che quelli di Coppa".

https://www.youtube.com/watch?v=slbdMOgCrI0
24 gennaio 1947, nasce il mito che non muore più: Chinaglia, eterna icona del calcio romantico
Lazio - Roma, Zaccagni: "Avevo promesso che sarei andato a festeggiare nella Nord. Questa Champions..."