header logo

Ai microfoni di Kicker è tornato a parlare in l'ex Direttore Sportivo della Lazio Tare che è ritornato sulla sua esperienza in biancoceleste. 

Tempo libero

All'inizio era semplicemente per rilassarmi e passare molto tempo con la mia famiglia. Questo è stato importantissimo dopo il lungo ed estenuante periodo alla Lazio. La nostra vita rimane comunque a Roma, ma da qualche mese ho ricominciato a viaggiare molto e a guardare il calcio in tutta Europa. Naturalmente nei grandi campionati, ma anche in Grecia o Turchia. Presto andrò a trovare Pep Guardiola al Manchester City e Roberto de Zerbi a Brighton.

Addio alla Lazio

Non sono andato via dalla Lazio per problemi con Lotito. Avevo già annunciato internamente con più di una stagione di anticipo che non avrei più prolungato il mio contratto perché avevo bisogno di una pausa. Per me è stato estremamente importante lasciare la Lazio ai massimi livelli, come seconda classificata e partecipante alla Champions League. Quando ho iniziato, le cose erano completamente diverse. La Lazio resterà sempre una società speciale nella mia carriera. Amo il calcio, far crescere giocatori, squadre e club. Se il progetto è giusto, sono fortemente motivato a lavorare ovunque. Posso andare a lavorare in club che ha grandi ambizioni e vuole competere per dei posti in Europa, se possibile. Per me importante raggiungere questi obiettivi anche e soprattutto in ​​modo sostenibile ed economicamente valido".

Politica di calciomercato alla Lazio

Acquistare giocatori a prezzi relativamente bassi per poi rivenderli dopo un po’ a prezzi decisamente più alti è stata la grande forza e la base del nostro continuo sviluppo alla Lazio nel corso degli anni. Durante la mia permanenza alla Lazio, 49 giocatori in totale hanno fatto il salto dalle giovanili alla prima squadra. Non tutti sono rimasti lì, alcuni di loro sono finiti in Serie B o C. Ma un buon lavoro nelle giovanili del proprio club ha un valore inestimabile dal punto di vista sportivo, economico e culturale. Lo stesso vale per gli allenatori".

Inzaghi

E' un modello. Simone ha trascorso 11 anni da calciatore alla Lazio, poi ha lavorato come allenatore nel settore giovanile per sette anni – e ad oggi è il più longevo allenatore della società in Serie A. 

Klose

E' stato uno dei giocatori più intelligenti che abbia mai visto in campo. Sicuramente da allenatore, o in qualsiasi altro ruolo, saprà trasmettere tanti valori ai giocatori di oggi".

Come acquistava i giocatori alla Lazio

È vero che alla Lazio non avevamo lo scouting. Ma ero costantemente in movimento, tutto passava attraverso i miei contatti in tutto il mondo. I risultati di questo lavoro sono stati buoni, quindi non abbiamo mai cambiato nulla. Ma so benissimo che il mondo è in continua evoluzione e che il data scouting sta diventando sempre più importante". 

Immobile

Ciro è arrivato al Borussia Dortmund come capocannoniere della Serie A. Chiaramente il suo fallimento non era una questione sportiva, ma piuttosto mentale. È molto più facile per un giocatore tedesco adattarsi in Italia che per un giocatore italiano in Germania. La vita in Italia è più rilassata e il clima fa una grande differenza rispetto agli altri paesi. In più il calcio è molto importante. Lo stesso vale nel resto del mondo, ma in Italia il calcio è come una religione.

Futuro

Per me è importante che ci sia una bella atmosfera e soprattutto familiare all’interno di un club. Alla Lazio mi sentivo così e penso che valga per tutte le squadre. Si tratta di un misto di tranquillità, disciplina e responsabilità: alla Lazio abbiamo festeggiato e riso tanto tutti insieme, ma abbiamo anche pianto insieme nei momenti difficili

12 anni senza Mirko Fersini: il ricordo della società
Lazio - Juventus, striscione dei tifosi bianconeri per incoraggiare la squadra di Allegri