header logo

Al termine della gara d'andata di Coppa Italia tra Juventus e Lazio, il tecnico biancoceleste Igor Tudor è intervenuto in conferenza stampa. 

In tre giorni abbiamo giocato tre tempi belli e uno brutto. Oggi Zaccagni è uscito, Patric doveva uscire e Casale non ha dormito perché gli è nato il figlio. Faccio i complimneti ai ragazzi, la Juve era sul pezzo. Noi l'abbiamo sofferta e abbiamo preso due gol che comunque tiene tutto aperto per il ritorno".

Come sta Zaccagni? Ora c'è il derby...

"Zaccagni brutta distorsione. I giocatori sono ancora molto accesi. Oggi era un'altra Juve, era molto difficile. Giocare dopo tre giorni a Roma e a Torino non è facile per entrambe le squadre. Mancava segnare davanti oggi, ma anche abitudine di alcuni giocatori a giocare con il mio stile".

Pressing alto non crea troppi rischi?

"Ci sono tante conseguenze, la strada è tracciata. Si va verso quella direzione. Si migliora e si cresce, abbiamo speso tanto sabato, lo teniamo da conto perché ogni tanto può capitare. Abbiamo comunque giocato contro la Juventus piena di campioni di livello mondiale. Lo accettiamo, ci mettiamo a lavorare. La squadra era costruita per un certo tipo di gioco, ora è diverso. Usiamo questi due mesi per capire chi può migliorare e chi no".

Immobile come si può aiutare? 

"Ciro oggi ci ha messo il cuore. Era motivato ma non era facile contro la Juve. Mi è piaicuto il suo atteggiamento. Vedremo già sabato le differenze".

Non era meglio non rivoluzionare adesso ma aspettare il ritiro?

"Dovevo giocare come Sarri? Non rivoluzionare? Questa è la vostra idea, non la mia. Non era meglio, anzi è meglio l'allenamento".

Cosa è cambiato da sabato?

"Loro erano diversi, avevano uno spirito diverso. Poi hanno giocato in casa e c'era stata anche la sosta nazionali in cui loro sono andati via in tanti. La Juve quando gioca se la gioca con tutti: Real Madrid, Manchester City... Noi abbiamo il nostro livello che è buono".

Come arriva la Lazio al derby?

"Devo ancora vedere come sta la squadra. Dobbiamo recuperare bene per prima cosa. Lavoriamo e prepariamo al meglio possibile la gara. Zaccagni per noi è un giocatore importante, c'è da vedere e far giocare quelli che io ritengo che possano fare meglio per provare a vincere questa bella sfida. Provedel non recupera sicuramente".

12 anni senza Mirko Fersini: il ricordo della società
Juventus - Lazio, le pagelle: Mandas il migliore, Isaksen eCasale che disastro