header logo

Alle ore 20:59 del 14 febbraio 2024 erano forse pochi, probabilmente pochissimi, i tifosi della Lazio che avrebbero immaginato un epilogo del genere. Sì, siamo solo alla gara di andata e le chance di passare il turno restano sempre minime quasi nulle, ma niente può impedire di sottolineare la prestazione clamorosa effettuata dalla squadra di Maurizio Sarri. 

Una gara tatticamente impeccabile, che lascia persino qualche rammarico per non aver inflitto al Bayern Monaco un passivo peggiore. Almeno tre le occasioni importanti oltre al rigore di Immobile, a dispetto dei tedeschi, che dopo aver sprecato qualche chance nella prima frazione di gioco, non hanno prodotto particolari pericoli nella ripresa. 

Complice l'impostazione tattica dei padroni di casa, che dopo aver sofferto nel primo quarto d'ora le palle alte sul secondo palo con conseguente sponda al centro hanno preso le giuste contromisure. Una squadra corta, compatta e disposta al sacrificio e soprattutto pronta ad offendere al momento giusto, quella messa in campo da Sarri. 

Bayern Monaco, qualche difficoltà non può sminuire l'impresa della Lazio

Diventerebbe ingeneroso sminuire il successo dei biancocelesti definendo il Bayern una squadra in crisi, quando i numeri della stagione dei bavaresi dicono tutt'altro. Consapevoli inoltre, che al suono dell'inno della Champions, compagini con questa storia sanno come fare la differenza a prescindere dal momento.

Nei giorni di avvicinamento alla sfida dell'Olimpico si è parlato di un Bayern Monaco in difficoltà e con qualche assenza pesante (Davies, Gnabry e Coman su tutti) senza considerare le mancanze tra le fila dei capitolini: Zaccagni, Rovella e Pellegrini, ai quali si è aggiunto anche Vecino a pochi istanti dal fischio d'inizio. Due formazioni quindi, a proprio modo, rimaneggiate.

Bundesliga, Champions League e non solo: i numeri del Bayern 

Parlare di “crisi Bayern” per una sconfitta brutta arrivata lo scorso sabato in campionato contro il Bayer Leverkusen è quantomeno esagerato. La squadra di Xabi Alonso, ad oggi, è una macchina semplicemente perfetta: imbattuta nelle 31 gare ufficiali (27 vittorie e 4 pareggi). I ragazzi di Tuchel, nonostante tutto, sono solo a 5 punti dai “Leoni”. 

I bavaresi hanno collezionato 50 punti in 21 giornate di Bundesliga, media 2,38 punti a partita. Meglio di quanto fatto negli ultimi tre campionati (sempre vinti poi dal Bayern). In Champions League, prima di giocare all'Olimpico, avevano collezionato 5 vittorie ed 1 pareggio nella fase a gironi, con 12 gol fatti e 6 subiti. 

Un altro dato significativo è legato all'ultima sconfitta incassata dal colosso tedesco in una delle due sfide degli ottavi di finale della massima competizione europea. Correva la stagione 2018/2019 quando il Liverpool (poi Campione d'Europa) vinse per 1-3 in Germania. 

La Lazio ha fatto quindi una piccola impresa che non può essere sminuita, considerando anche i momenti complicati attraversati in questa stagione. Un risultato che a suo modo resterà nella storia anche se, quasi sicuramente, potrebbe non bastare alla squadra di Sarri per proseguire un cammino europeo decisamente positivo. 

12 anni senza Mirko Fersini: il ricordo della società
Lazio, la società celebra l'amore della sua gente: "Il miglior San Valentino di sempre..." - VIDEO