header logo

A margine del pareggio tra Cittadella e Lazio Women, il tecnico biancoceleste Massimiliano Catini ha parlato ai microfoni ufficiali del Club:

“Le nostre avversarie sono entrate in campo maggiormente aggressive.  Noi, invece, ci siamo abbassate troppo; il nostro approccio non è stato dei migliori anche se il gol dello svantaggio è nato da un’azione fortuita.

Abbiamo comunque reagito bene e in questo senso il gol subito ci ha un po’ svegliato e da quel momento abbiamo alzato il nostro baricentro.  Siamo stati bravi a mantenere la calma, a trovare gli equilibri giusti per poi mettere sotto pressione l’avversario.

La squadra era consapevole delle difficoltà della partita, ma è stata brava a prendersi il campo creando varie occasioni. Abbiamo pagato forse troppo un approccio non ottimale, ma abbiamo reagito bene prendendo campo.

Inizialmente volevamo qualità nel palleggio in avanti provando a sfruttare la qualità di Toniolo che però è andata leggermente in affanno dovendo giocare spesso spalle alla porta. Nel secondo tempo abbiamo deciso di posizionarla sull’esterno perché abbiamo capito che sulle fasce potevamo creare difficoltà alle avversarie con gli affondi di Toniolo e Pittaccio.

Per quanto riguarda la condizione di Visentin è necessario avere pazienza. Non è semplice rientrare dopo due mesi e mezzo, sta gradualmente recuperando. È sempre stata e lo sarà ancor di più in questo finale un’ arma in più per noi.

Toniolo ha giocato una partita dai due volti, prima da trequarti alta e poi da esterno dove ha potuto sfruttare bene i suoi strappi e il suo piede mancino molto educato che ci ha dato qualità, velocità e soluzioni interessanti. Deve però dare di più perché ha le potenzialità per farlo, deve ancora riuscire compiere la scelta giusta in relazione ai vari momenti della partita. In ogni caso, ha disputato un’ottima prestazione.

Guidi non la scopriamo oggi, ha salvato il risultato con un grande intervento. Tutto questo è merito anche del lavoro settimanale svolto da tutti i portieri e dal preparatore Saccoccio. È cresciuta tantissimo, probabilmente ci ha regalato più di qualche punto in classifica.

Avevamo preparato varie soluzioni per mettere in difficoltà il Cittadella. Probabilmente ci è mancata un po’ di lucidità nella gestione di alcuni calci piazzati forse anche a causa dell’ importanza della sfida. È sicuramente un aspetto sul quale dobbiamo lavorare perché abbiamo calciatrici importanti che possono regalarci un’arma in più in partite come quella di oggi in cui non è semplice arrivare in porta.

Ci portiamo a casa l’ottima prestazione e un punto importante su un campo molto difficile dove alla penultima giornata arriverà il Napoli. Prima di pensare allo scontro diretto con le partenopee dovremo affrontare altre partite che non andranno sottovalutate. La prima in ordine di tempo sarà quella contro il Chievo Verona dove dovremo fare a meno a Varriale e Toniolo per squalifica. Testa al prossimo impegno perché le inseguitrici non mollano. Mancano sei partite, non possiamo abbassare la guardia. Difendiamo con denti e grinta il primo posto in classifica”.

-

Tutte le info su www.sslazio.it/lazio-women

-

 

12 anni senza Mirko Fersini: il ricordo della società
Dazn, il player of the week è un biancoceleste - FOTO